Consulta i progetti Avis dell’a.s. 2018/2019 realizzati in Emilia-Romagna.

 

Progetto Avis Scuola (Avis comunale Imola)

DESTINATARI:

n. 32 classi delle Scuole primarie, secondarie di 1° grado e istituti superiori. Per un totale di 582 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Consiglieri  Avis, volontari del servizio civile, Medico del Centro Raccolta Sangue di Imola, insegnanti referenti, ADMO E AIDO.

OBIETTIVI: 

Mettere a disposizione delle scuole del territorio risorse e strumenti per progettare percorsi di educazione alla cittadinanza e alla convivenza civile per sviluppare fra i giovani la conoscenza e la cura del proprio corpo, l’aiuto verso gli altri, il ruolo del volontariato,  il dono anonimo e gratuito del sangue, midollo osseo, tessuti ed organi.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Novembre/Maggio.

PRODOTTO FINALE:

  • Incontri presso Avis Imola o presso gli istituti con gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado con referenti Avis e Medico del Centro Raccolta Sangue di Imola.
  • Incontri presso gli istituti superiori con referenti Avis, Admo, Aido e Medico del Centro Raccolta Sangue di Imola.
  • Distribuzione a tutti gli studenti di materiale informativo Avis, Admo e Aido.

Bando di concorso “Diplomati con l’Avis” (Avis comunale Imola)

DESTINATARI:

Studenti che presentano la domanda per l’assegnazione della  borsa di studio delle classi quinte degli istituti superiori.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Segreteria Avis.

OBIETTIVI:

Sviluppare fra i giovani  il ruolo del volontariato, il dono anonimo e gratuito del sangue.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Consegna borse di studio in occasione della festa sociale Avis Imola in Maggio 2019.

PRODOTTO FINALE:

Assegnazione di n. 11  Borse di Studio di E. 300,00 cadauna agli studenti che presentano domanda, tenendo conto delle migliori medie risultanti dalla somma degli esiti annuali del corso di studi e della prova d’esame.


13° Concorso grafico pittorico “Avis il calendario della solidarietà” (Avis comunale Imola)

DESTINATARI:

n.66 classi delle Scuole primarie e secondarie di 1° grado del comune di Imola. Per un totale di 1500 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Comune di Imola, Legacoop, CISST (Centro Integrato Servizi Scuole Territorio di Imola) e insegnanti referenti.

OBIETTIVI:

Sensibilizzare i giovanissimi alla cultura della solidarietà e del dono, coinvolgendoli in un contesto creativo per promuovere l’educazione alla cittadinanza attiva.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Ottobre/Maggio.

PRODOTTO FINALE:

Calendario con i disegni realizzati dagli studenti, del quale verranno prodotte e distribuite alle famiglie di tutti gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado del comune di Imola circa 5500 copie.


Emoglobale (Avis comunale di Argenta)

DESTINATARI:

Classe di alfabetizzazione di italiano SPRAR. Per un totale i 15 adulti di varie nazionalità.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Ref. Scuola, Avis comunale Argenta, altri volontari.

OBIETTIVI:

Facilitare la conoscenza della lingua italiana promuovendo la conoscenza di Avis come integrazione, solidarietà e prevenzione.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

4 lezioni di 2 ore ciascuna con giochi e attività di cultura e scrittura , compiti a casa.

PRODOTTO FINALE:

Giochi di solidarietà.


Una Mascotte per Avis provinciale Ferrara (Avis proviciale Ferrara)

DESTINATARI:

Studenti della classe 2° B del Liceo Artistico Dosso Dossi. Per un totale di 26 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale AVIS: Componenti Area Scuola, Personale di segreteria,
Docenti della classe, Dirigente scolastico , Docente vicario del Dirigente.

OBIETTIVI:

  • Formativi: Sviluppare nei giovani un comportamento sociale di solidarietà. Potenziare
    competenze tecniche inerenti la progettazione e la realizzazione di una mascotte che possa
    comunicare in modo efficace il messaggio del dono.
  • Cognitivi: Rendere gli studenti della scuola coinvolta nel progetto consapevoli del bisogno di
    sangue e della modalità di donazione. Utilizzo di conoscenze comunicative e di tecniche
    grafiche.
  •  Operativi: Ideare e disegnare una “mascotte” che possa essere rappresentativa
    dell’associazione da utilizzare su materiale divulgativo e informativo e su gadget per giovani.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Disegno di una “mascotte” che identifichi AVIS Ferrara (non un logo) da utilizzare in
modi diversi e in diverse iniziative che possa risvegliare nei giovani l’idea della solidarietà e
del dono del sangue.

Incontro con i docenti interessati per la stesura del progetto.
Ottobre- Novembre 2018
• Presentazione del progetto, delle finalità e delle attività dell’AVIS, della
donazione di sangue e del suo utilizzo agli studenti del Liceo, da parte di volontari
avisini. 29 novembre 2018
• Progettazione della mascotte . Realizzazione della mascotte da parte degli
studenti della classe individuata. – Novembre 2018-aprile 2019
• Formazione di una Commissione di Progetto composta da rappresentanti di
AVIS e della scuola per la valutazione dei lavori. – Marzo 2019- Aprile 2019
• Organizzazione dal 2 al 18 maggio 2019 di una mostra di tutti i lavori prodotti
presso la sede di Avis Provinciale.
• Votazione da parte dei donatori presenti in sede Avis nei giorni di esposizione dei
lavori.
• Premiazione dei lavori che hanno ottenuto il maggior numero di voti. – 30 maggio
2019
•A partire da giugno 2019 produzione di gadget riportanti la mascotte.

PRODOTTO FINALE:

Fasi n° 5, 6, 7, 8, di cui sopra.


Avis un dono consapevole : Il valore della solidarietà (Avis comunale Berra e Avis Ferrara)

DESTINATARI:

Alunni delle classi 2° e 3° della Scuola secondaria di 1° grado.

OBIETTIVI:

  • Fornire strumenti minimi di conoscenza scientifica .
  • Favorire la comprensione dell’importanza del dono del sangue.
  • Far comprendere il significato di cittadinanza attiva, trasmettendo il valore dell’altruismo e della solidarietà.
  • Dare risalto ed avvicinare i giovani al mondo del volontariato.
  • Sviluppare comportamenti igenico- sanitari a tutela della salute.
  • Promuovere esperienze di comunicazione attraverso l’elaborazione di video e/o manifesti pubblicitari.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  1. Un primo incontro formativo su temi concordati , di due ore circa, con distribuzione del materiale e illustrazione del progetto.
  2. Seconda fase: realizzazione dei lavori da parte degli alunni che potranno essere svolti (a casa o in classe sotto la guida dell’insegnante) singolarmente o in piccoli gruppi.
  3. Raccolta del materiale prodotto dagli studenti, da parte dei volontari Avis, una commissione appositamente costituita , valuterà gli elaborati. 
  4. Incontro finale: premiazione dei lavori più meritevoli e consegna di un attestato di merito a tutti i partecipanti.

PRODOTTO FINALE:

Realizzazione di cartelloni e/o video pubblicitari per la promozione della donazione di sangue, discussione in classe.


Per una donazione responsabile (Avis comunale Bondeno)

DESTINATARI:

n. 3 classi quinte degli Istituti secondari di 2° grado . Per un totale di 79 studenti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Responsabile Avis Scuola, Dott. Mizzi Elia, Dott. Bergamini Fabio, Dott.essa Marchesi Silvia,  Ins. Camielli Laura, 

OBIETTIVI:

Attraverso la conoscenza dell’Avis sia come associazione che come realtà locale  arrivare a capire l’importanza di corretti stili di vita per arrivare ad una donazione responsabile.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontri con gli studenti, presentazione di esperienze e testimonianze anche attraverso l’uso di materiale mediatico .

PRODOTTO FINALE:

Incontro con gli studenti interessati nella località sezione Avis e 7 nuovi donatori.


Il valore de dono (Avis comunale di Cento)

DESTINATARI:

Tutte le classi quinte degli Istituti superiori di Cento. Per un totale di 450 studenti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

5 consiglieri Avis, 2 consiglieti Fidas Renazzo, 1 rappresentante Admo, dirigenti scolastici, insegnanti di scienze ed educazione fisica. 

OBIETTIVI:

Sensibilizzare i neo diciottenni al tema del dono ed accompagnarli nel percorso all’esecuzione degli esami come aspiranti donatori ed in seguito alla prima donazione.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Gli incontri si sono svolti da Novembre 2018 fino a Febbraio 2019.

 Liceo: 53 esami A.D. + 18 iscrizioni ADMO (33 prime donazioni)

ISIT: 69 esami A.D. + 10 iscrizioni Admo (37 prime donazioni)

IPSIA: 13 esami A.D. (3 prime donazioni)

PRODOTTO FINALE:

Prime donazioni totali: 73


L’importaza del dono (Avis counale Comacchio)

DESTINATARI:

n.9 classi quinte elementari , n.8 classi terza media, n.5 classi quinte superiori. Per un totale di 430 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

3 volontari di Avis Comacchio, 1 medico Avis provinciale Ferrara presente agli incontri con le classi, 1 referente per ogni istituto coinvolto per un totale di 5 referenti, 1 insegnante per ogni classe coinvolta per un totale di 9 maestre, 8 professori (lettere e scienze), 5 professori per le superiori (materie umanistiche, letterarie e religione), 3 volontari esterni nominati per la commissione di valutazione dei temi per il concorso letterario svolto dalle classi 3° medie.

OBIETTIVI:

Sensibilizzare i giovani sull’importanza della solidarietà e del dono di sangue e plasma e avvicinarsi al mondo del volontariato. 

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Circa 8 mesi (Settembre/Giugno)

Si è sviluppato in 2 fasi:

La prima, nei mesi tra Settembre e Dicembre 2018, è stata di presentazione del progetto e organizzazione degli incontri che dovevano essere svolti nelle classi, con i referenti degli istituti comprensivi di Comacchio, Porto Garibaldi e dell’istituto superiore Remo Brindisi e di preparazione del materiale didattico poi distribuito a tutti gli studenti di ogni ordine e grado durante gli incontri.

La seconda fase, nei mesi tra Gennaio e Maggio 2019, è stata di sviluppo vero e proprio del progetto con incontro informativo in ogni classe, con la presenza di un medico dell’equipe di Avis provinciale di Ferrara che si occupava dell’aspetto medico sanitario per i temi scientifici trattati.

I temi trattati durante gli incontri sono i seguenti:

  • Cos’è l’Avis e l’importanza dell’attività di volontariato.
  • Importanza e funzione del sangue.
  • Perchè è importante donare sangue e plasma.
  •  Gruppi sanguigni.
  • Corretto stile di vita.
  • Come diventare donatori di sangue.

PRODOTTO FINALE:

 Incontro in aula, distribuzione di materiale informativo sui gruppi sanguigni, opuscolo “guida al dono” che rappresenta il percorso illustrato con tutte le informazioni utili per diventare donatore di sangue. Assegnazione di un tema con argomento “l’importanza del dono”, assegnato alle classi terze medie, inserito nel progetto come concorso letterario dove sono stati premiati i tre temi migliori per ogni istituto. Organizzazione per gli studenti delle classi quinte superiori di 1 giornata dedicata alla prova per l’ idoneita’ di 16 studenti dell’istituto remo brindisi del lido degli estensi. Cerimonia conclusiva del progetto, svoltasi il 5 giugno 2019, alla sala polivalente del palazzo bellini di comacchio, alla presenza delle autorita’ ( assessore alla scuola, presidente di avis comunale comacchio, 2 consiglieri di avis provinciale di ferrara , il medico di avis provinciale ferrara che ha seguito tutto il percorso del progetto) sono stati premiati i temi migliori del concorso letterario, sono stati inoltre consegnati gli attestati di merito e gli attestati di partecipazione al progetto ad ogni classe. All’evento erano presenti circa 160 alunni delle scuole medie, i rispettivi professori, i referenti responsabili di entrambi gli istituti compresivi (comacchio, porto garibaldi) e una rappresentanza dell’istituto remo brindisi.


Un fiore rosso, dono del cuore ( Avis comunale Ferrara)

DESTINATARI:

n. 9 classi della Scuola Primaria. Per un totale di 183 studenti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari AVIS dell’Area scuola e tutti gli insegnanti delle classi dalla 1^
alla 5^ di tutte le discipline.

OBIETTIVI:

Educare alla convivenza civile, sensibilizzare alla tutela della salute, far
conoscere il volontariato come espressione di atteggiamento solidale.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Mese di settembre: incontro nel fra i volontari AVIS Scuola e i docenti delle classi
interessate per concordare il percorso e le attività da svolgere; Mese di ottobre: incontri,
nelle aule scolastiche, con le classi per svolgere attività di sensibilizzazione alla solidarietà
con attività guidate, somministrazione di test e partecipazione a laboratori. Nelle classi
quinte i medici del gruppo dell’Area Scuola hanno trattato brevemente il sistema
cardiocircolatorio, la composizione del sangue, la trasfusione e la donazione dello stesso.
Mese di dicembre: spettacolo finale.

PRODOTTO FINALE:

Cartelloni e elaborati a carattere narrativo-grafico con supporto cartaceo sul tema della
solidarietà e del dono da parte degli allievi. Canti e balli, scenette a tema; spettacolo finale
nella palestra della scuola.


Il dono del sangue ( Avis comunale Migliarino, Massafiscaglia, Miellaro)

DESTINATARI:

Scuole secondarie di 2° grado di Fiscaglia. Per un totale di 70 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis comunale, Medico provinciale.

OBIETTIVI:

Solidarietà e sensibilizzazione alla donazione del sangue e al dono in generale.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Proiezione del filmato.

Relazione del medico.

Relazione dell’incaricato Avis.

All’interno delle aule nelle ore di lezione per 1 ora per classe.

PRODOTTO FINALE:

Incontro e coinvolgimento degli alunni.


Una giornata a scuola con Avis (Avis comunale Poggio Renatico) 

DESTINATARI:

n.3 classi seconde della Scuola elementare di Poggio Renatico. Per un totale di 60 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnanti di scienze e coordinatori, collaborazione con comitato genitori.

OBIETTIVI:

Far conoscere Avis ai bambini e genitori, parlare ai piccoli del sangue e della sua importanza nel funzionamento del corpo umano, sensibilizzare alla solidarietà e a volontariato.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

In un pomeriggio, in circa 2 ore nell’auditorium della scuola, abbiamo incontrato i bambini proponendo un incontro frontale supportato da power point e video. Alla fine della Scuola abbiamo partecipato alla festa finale con stand e merenda ad offerta libera. Le offerte raccolte sono state devolute al comitato genitori. 

PRODOTTO FINALE:

Incontro frontale e partecipazione alla festa della Scuola.


Una giornata a scuola con Avis (Avis comunale Poggio Renatico) 

DESTINATARI:

4° e 5° elementare della Scuola primaria di Gallo. Per un totale di 40 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnate di scienze insegnate coordinatrice.

OBIETTIVI:

Far conoscere Avis ai bambini e genitori, parlare ai piccoli del sangue e della sua importanza nel funzionamento del corpo umano, sensibilizzare alla solidarietà e a volontariato.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

In un pomeriggio, in circa 2 ore nell’auditorium della scuola, abbiamo incontrato i bambini proponendo un incontro frontale supportato da power point e video. Alla fine della Scuola abbiamo partecipato alla festa finale con stand offrendo i bambini la merenda. 

PRODOTTO FINALE:

Incontro frontale in auditorium con gruppi di ragazzi divisi per età.


Una giornata a scuola con Avis (Avis comunale Poggio Renatico) 

DESTINATARI:

1°, 2°, 3° media delle Scuole secondarie di 1° grado. Per un totale di 200 studenti .

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnanti di scienze ed educazione fisica.

OBIETTIVI:

Approfondire con i ragazzi l’apparato circolatorio e le sue funzioni, la donazione di sangue e la sua importanza, sensibilizzare i giovani al volontariato e alla gratuità.

PERIODO DI REALIZZAZIONE :

In una mattinata , in circa 2 ore per ciascun gruppo, abbiamo incontrato i ragazzi e svolto un incontro frontale con il supporto di una presentazione power point. Alla fine è stato consegnato ad ogni ragazzo  un attestato di partecipazione. 

PRODOTTO FINALE:

Incontro frontale in auditorium con gruppi di ragazzi divisi per età.


Incontro (Avis comunale Terre del Reno)

DESTINATARI:

n.4 classi quinte della Scuola primaria Dosso S. Agostino S. Carlo. Per un totale di 71 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Dott. essa. Avis, referente Avis, insegnti di scienze.

OBIETTIVI:

Dono, solidarietà, altruismo, primo approccio.

PERIODO DI REALIZZAZIONE :

Attività di informazione con la Dottoressa Marchesi.

Argomenti trattati:

Sangue , composizione, gruppi, importanza, utilizzo e dono.

PRODOTTO FINALE:

Discussione in aula, domande, chiarimenti, curiosità.


Incontro con l’ Avis (Avis Comunale Tresigallo) 

DESTINATARI:

Classe 2° media della Scuola “D. Chendi” Tresigallo.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis provinciale: Prof.ssa Liviana Brogli e Dott.ssa Pittini.

OBIETTIVI:

Approfondire la materia relativa al valore de sangue e diffondere la cultura della solidarietà. 

PERIODO DI REALIZZAZIONE :

Incontro in classe della durata di 2 ore con utilizzo di strumenti informatici.


Concorso giornalistico “Carlo Carli” (Avis comunale Cesena)

DESTINATARI:

n.30 classi delle Scuole secondarie di 2° grado pubbliche e private del comprensorio cesenate. Per un totale di 250 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis, insegnanti di varie materie, grafico professionista, giornalisti dei quotidiani locali, vari sponsor.

OBIETTIVI: 

Sensibilizzare i giovani al dono ed alla solidarietà attraverso la creazioni di opere artistiche e letterarie.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Da ottobre 2018 a maggio 2019.

PRODOTTO FINALE:

Articoli, poesie, disegni, video e canzoni con un incontro finale di presentazione degli elaborati e premiazioni dei prodotti migliori.


Donazione di sangue: volontariato e solidarietà (Avis comunale Cesena)

DESTINATARI:

n.40 classi delle Scuole medie di Cesena. Per un totale di 1000 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis, insegnanti, servizio civile, dipendenti Avis e sponsor.

OBIETTIVI: 

Interessare gli studenti alle tematiche della solidarietà e del volontariato.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Da novembre 2018 a maggio 2019. La partecipazione al progetto è effettuata sotto varie forme: scritta, grafica, ricerca, realizzate da singoli gruppi o classi intere con il coordinamento degli insegnanti. I lavori sono realizzati all’interno delle aule delle scuole. Quest’anno la premiazione dei lavori più meritevoli è avvenuta presso il locali della Ex Chiesa di S. Agostino a Cesena.

PRODOTTO FINALE:

Elaborati vari.


Salute e Donazione (Avis comunale Cesena)

DESTINATARI:

n.45 classi quinte delle Scuole superiori di 2° grado. Per un totale di 990 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari, medici ed infermieri Avis, AUSL di Cesena, ADMO. AIDO,  insegnanti di varie materie, servizio civile, dipendenti e collaboratori Avis.

OBIETTIVI: 

Sensibilizzare i ragazzi al dono del sangue, midollo ed organi.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Da settembre 2018 a maggio 2019. Incontro di sensibilizzazione nelle classi con attività in piccoli gruppi rispetto le tematiche inerenti la donazione. Organizzazione di giornate ad hoc per gli coloro che hanno dato la propria disponibilità ad effettuare prelievi per esami e visite di idoneità alla donazione.


L’importanza del sangue nel corpo umano e la donazione come atto di altruismo e solidarietà (Avis comunale Forlimpopoli)

DESTINATARI:

Classi quinte della Scuola primaria, classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado. Per un totale di 270 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Medici e volontari Avis e professori di scienze.

OBIETTIVI: 

Educare alla solidarietà e all’ altruismo con il dono del sangue.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

-Educare alla solidarietà e all’altruismo con il dono del sangue.
-Incontri in aula della durata di 1 ora per ogni classe.
-Aule classi 5° scuola primaria, classi 2°scuola secondaria 1°grado.

PRODOTTO FINALE:

Incontro in aula.


Concorso grafico Avis (Avis comunale di Modigliana)

DESTINATARI:

n.2 classi terze della scuola secondaria di 1° di IC Modigliana-Scuola S. Lega. Per un totale di 44 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Presidente, Vicepresidente, segretaria, insegnante di arte e infermiere unità di raccolta.

OBIETTIVI: 

Promuovere il dono del sangue, promuovere uno stile di vita sano (alimentazione e sport) far conoscere l’associazione AVIS.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

E’ stato fatto  un incontro di circa due con entrambe le classi nel quale sono state date le informazioni di cui sopra e risposto alle eventuali domande.

PRODOTTO FINALE:

I ragazzi con la collaborazione dell’insegnante di arte hanno fatto degli elaborati grafici.


Genitori e donazione di sangue: questionario (Avis comunale di Sarsina)

DESTINATARI:

Tutte le classi, dalla 1° alla 5° della Scuola Primaria “B. Foschi”, Sarsina.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnanti.

OBIETTIVI: 

Lo scopo è stato quello di sensibilizzare i genitori dei bambini ai temi della donazione e di riflettere
sulle motivazioni e sugli ostacoli nel percorso per diventare donatori.
Infatti, dopo le attività rivolte agli studenti, svolte negli anni passati, la volontà nell’anno scolastico
2018/2019 è stata quella di coinvolgere i genitori per conoscere le loro opinioni su AVIS e sulla
donazione.
Contestualmente, al fine di soddisfare il bisogno di nuovo materiale scolastico e di rendere AVIS
Sarsina un’associazione attiva nel territorio, sono stati consegnati dei kit “geometria” ad ogni
alunno.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

1 – realizzazione del questionario con il supporto della segreteria di Cesena (ottobre 2018);
2 – contatto con la docente referente di plesso (ottobre 2018);
3 – acquisto dei kit “geometria” presso EMO Servizi (novembre 2018);
4 – consegna dei kit “geometria” per la scuola a tutti gli studenti (novembre 2018);
5 – consegna dei questionari ai docenti che li hanno distribuiti agli alunni, quindi ai genitori
(novembre 2018);
6 – ritiro dei questionari compilati (dicembre 2018);
7 – analisi, redazione dei dati, restituzione (dicembre 2018);
8 – contatto con i genitori interessati a diventare nuovi donatori (gennaio 2019).

PRODOTTO FINALE:

L’elaborazione dei dati, estrapolati dai questionari, è stata prima sintetizzata e poi graficizzata in
power point. Infine Avis è entrata in contatto con i genitori degli alunni interessati a diventare nuovi
donatori.


L’Avis sale in cattedra: Volontario, donazione, stili di vita (Avis comunale di Savignano sul Rubicone e gambettola)

DESTINATARI:

7 classi seconde della  Scuola Secondaria di I° grado di Savignano sul Rubicone “GIULIO CESARE” e  5 classi seconde della Scuola Secondaria di I° grado dell’ IC di Gambettola. Per un totale di 169 studenti (Savignano sul Rubicone) e 108 studenti (Gambettola) coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Il progetto è stato sviluppato e proposto unicamente dall’Avis di Savignano sul Rubicone e Gambettola.

OBIETTIVI:

Gli insegnanti hanno preso in considerazione le problematiche che iniziano a coinvolgere gli adolescenti di 13 anni; per questo alcuni anni fa, hanno richiesto di progettare un intervento informativo sui 3 punti specifici che vedremo in seguito.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

A Savignano gli incontri si sono svolti nelle singole aule in quanto tutte dotate di LIM, per potere così utilizzare delle slides nell’illustrazione dei vari argomenti trattati, mentre a Gambettola sono state accorpate prima 2 e poi 3 classi nell’aula magna, per lo stesso motivo.    Il primo punto presentato nelle “lezioni” è stato IL VOLONTARIATO; si è partiti illustrando il volontariato in genere, la sua importanza fondamentale per la Società e le principali associazioni presenti localmente, in Italia (con particolare attenzione al’AVIS) e a livello internazionale. Tramite le informazioni fornite dal relatore è stata poi approfondita e sviluppata la conoscenza dell’AVIS. Successivamente, relativamente alle problematiche del sangue e della donazione, sono stati evidenziati i rischi delle malattie (contrazione del virus dell’HIV, epatiti ABC, malattie veneree, ecc.) derivanti da contagio per comportamenti e/o stili di vita non corretti, che in diversi casi sono già presenti a questa età. Conseguenza naturale è stato infine approfondire l’argomento STILI DI VITA, con riferimento ad alimentazione, sesso, fumo, droga.  Le numerose slides, in particolare quelle che illustravano fegati malconci per l’uso e l’abuso di alcool e droghe e polmoni simili ad ammassi di catrame per l’abuso di fumo, hanno notevolmente colpito i giovani che in molti casi hanno dimostrato profondo disgusto, manifestando il proposito di non avvicinarsi a questi “vizi”. 

PRODOTTO FINALE:

Gli argomenti trattati sono stati successivamente oggetto di discussione e dialogo in aula con buona parte degli insegnanti di scienze e in alcuni casi sono state proposte delle verifiche sugli argomenti trattati. Ad ogni alunno a fine incontro è stato consegnato un gadget e del materiale informativo​


Progetto Accademia Militare di  Modena Scuola Allievi Ufficiali dell’Esercito (Avis comunale di Modena)

DESTINATARI:

I° anno Corso Accademico “DOVERE”. Per un totale di 240 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale AVIS, Colonnello Medico Accademia e suoi collaboratori.

OBIETTIVI: 

Raccogliere nuovi donatori tra i cadetti che frequentano l’Accademia Militare di Modena.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

2 Conferenze in aula magna Accademia 16 e 18 gennaio, esami del sangue ed Ecg dal 23 febbraio 2019 al 6 aprile, visita medica per idoneità dal 19 marzo al 30/04/2019 e prima donazioni, nelle giornate del 4,11 e 17 maggio 2019.

PRODOTTO FINALE:

240 adesioni, 200 esami, 159 idonei x sangue e plasma, 31 solo plasma e 10 non presentati , 111 nuove donazioni.


Progetto Accademia Militare di Modena Scuola Allievi Ufficiali di Fanteria (Avis comunale di Modena)

DESTINATARI:

I° Corso Accademico. Per un totale di 240 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale AVIS + Colonnello Medico Accademia e suoi collaboratori.

OBIETTIVI: 

Raccogliere nuovi donatori tra i cadetti che frequentano l’Accademia Militare di Modena.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Conferenza in aula magna Accademia, Esami del sangue, visita medica per idoneità e prima donazione.

PRODOTTO FINALE:

240 adesioni, 200 esami, 169 idonei ,sangue plasma , 24 solo plasma , 7 non si sono presentati alle visite, 111 nuove donazioni di sangue intero per le plasma stiamo prendendo accordi per l’autunno come per i 58 sangue che per motivi vari non hanno potuto donare a maggio.


 Avis-Scuole superiori di Modena (Avis comunale Modena)

DESTINATARI:

n.15 Istituti superiori , classi quinte. Per un totale di 2.339 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari AVIS- Volontari ADMO medici e infermieri professionali AVIS-Provinciale.  Insegnanti referenti per ogni istituto + insegnanti presenti alle conferenze in aula.

OBIETTIVI: 

Raccogliere nuovi donatori tra i ragazzi maggiorenni delle 5° classi superiori.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Conferenze a scuola , prelievi a scuola, visite mediche in Sede Avis- Prima Donazione in sede Avis .

PRODOTTO FINALE:

2339 studenti presenti alle conferenze, 540 adesioni ad AVIS, 392 ragazzi idonei come donatori, 214 nuove donazioni 182 ragazzi idonei che doneranno, entro ottobre 2019, o presso la sede Avis di residenza oppure ad Avis Modena.


Caccia ai tesori (Avis comunale Modena)

DESTINATARI:

n.3 classi quinte della Scuola Elementare Galileo Galilei Modena. Per un totale di 60 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Referente Avis Scuola Modena + Insegnanti dellle varie classi. Il progetto si è concretizzato tramite il Centro Servizi Volontariato di Modena che coordina,ogni anno, le scuole elementari del comune che desiderano entrare in contatto con una realtà del volontariato operante sul territorio comunale Modenese. Quindi a, rotazione, si presentano varie realtà del volontariato e quindi anche AVIS.  

OBIETTIVI: 

Far conoscere ai ragazzi, fin dalle elementari, quanto sia importante donare sangue e rispondere alle loro domande specifiche visto che, prima dell’incontro, hanno studiato il corpo umano e la circolazione sanguigna. 

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Sono andato in aula per un incontro informale con i ragazzi di due ore instaurando un colloquio con loro sull’argomento.

PRODOTTO FINALE:

Incontro in aula.


Donazione e Solidarietà (Avis comunale di Modena)

DESTINATARI:

n.66 classi seconde delle Scuole Medie del comune di Modena. Per un totale di 1.400 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis e volontari Admo e Aido, medici ausl o ospedalieri, 1 insegnante per classe – materie varie – + 1 insegnante referente per ogni scuola, personale del Comune di Modena Progetto città sane.

OBIETTIVI: 

Approfondire con i ragazzi delle medie l’argomento della donazione e solidarietà, come dice il titolo del progetto, collegandosi anche allo studio del corpo umano.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Il progetto si concretizza con incontri di due ore a scuola con due classi in contemporanea. Poi i ragazzi, sotto la supervisione dell’insegnante di educazione artistica, producono degli elaborati (disegno o video) che vengono inviati ad un’apposita commissione (Comune di Modena + AVIS-AIDO-ADMO) che premi i 15 migliori lavori.la premiazione  avviene presso il centro Commerciale Rotonda di Modena-Marchio Conad che è sponsor economico dell’intera manifestazione  e fornisce i premi per i ragazzi. I disegni saranno  poi utilizzati per un calendario, realizzato l’anno successivo, (12 disegni premiati per ogni mese + 3 alla fine  come menzione speciale).

PRODOTTO FINALE:

Calendario anno 2000 .


Le mani in pasta (Avis comunale Modena)

DESTINATARI:

n.4 classi terze della Scuola media Galileo Ferraris. Per un totale di 100 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontario Avis-Settore Scuola, infermiere avis, insegnante di religione scuola.

OBIETTIVI: 

Far conoscere ai ragazzi, da vicino, l’operatività Avis.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

I ragazzi, due classi alla volta, sono venuti in visita all’Avis Modena a fine  mattinata quando la sala prelievi era già vuota. Fatto vedere tutto l’immobile, dal magazzino auto e materiale, sala prelievi con spiegazioni teoriche , uffici e breve incontro in aula magna con consegna gadget per ragazzi.   

PRODOTTO FINALE:

A rientro i ragazzi hanno preparato dei cartelloni e , insieme al materiale pubblicitario inviato da AVIS, hanno esposto tutto alla festa di fine anno della scuola. Io non sono potuto andare ma la prof. Referente mi ha aggiornato su interesse dei genitori e proattività dei ragazzi.


Officine della solidarietà (Avis comunale Modena)

DESTINATARI:

n.46 classi delle Scuole superiori di Modena. Per un totale di 1.058 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Centro Volontariato e Solidarietà – Modena + 25 Associazioni di volontariato del territorio modenese. Vari insegnati per ogni scuola.

OBIETTIVI: 

Conoscenza delle associazioni di volontariato del territorio.

PRODOTTO FINALE:

Incontro tra ragazzi e associazioni in uno spazio pubblico apposito.


Avis-Unimore Università Modena e Reggio-Emilia(Avis comunale Modena)

DESTINATARI:

Vari studenti universitari. Per un totale di 200 contatti – 100 schede adesione consegnate  36 adesioni nuovi donatori raccolte.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis.

OBIETTIVI: 

Contattare nuovi donatori tra gli studenti universitari.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

I contatti avvengono presso le facoltà da parte di volontari AVIS.

PRODOTTO FINALE:

Schede adesione nuovi donatori.


#Mi voglio bene – rubrica della salute (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n. 4 classi terze, n.4 classi quarte della Scuola secondaria di 2° grado. Per un totale di 172 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Specialisti AUSL di Piacenza, personale Avis.

OBIETTIVI: 

  • Promozione attiva della salute e del benessere psico-fisico e sociale.
  • Consapevolezza dell’importanza della prevenzione.
  • Consapevolezza dell’importanza della solidarietà, del rispetto e della reciprocità.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • Indagine conoscitiva sui fabbisogni e curiosità dei ragazzi.
  • Incontri con gli esperti di circa 2 ore.
  • Intervista agli stessi da parte del comitato di redazione del giornalino.

PRODOTTO FINALE:

Pubblicazione e divulgazione delle interviste sul giornalino.


Donazione e abusi ( Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n. 3 classi quarte, n.5 classi quinte della Scuola secondaria di 2° grado. Per un total di 146 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Medico emergenza territoriale  118 AUSL  di Piacenza e referente clinico antidoti AUSL di Piacenza, personale Avis, insegnanti.

OBIETTIVI: 

Informare e sensibilizzare  i giovani sull’uso e abuso di alcool e sostanze stupefacenti.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione di 2 ore.


Affettività e sessualità (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.3 classi quinte, n 13 classi terze della Scuola primaria e della scuola secondaria di 1° grado. Per un totale di 263 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Un medico del servizio di igiene e profilassi AUSL di Piacenza, una psicologa, un infermiere del SERT AUSL di Piacenza, personale Avis.

OBIETTIVI: 

  • Rispetto dei valori altrui.
  • Atteggiamento positivo verso la sessualità.
  • Capacità di scelte autonome e responsabili.
  • Raggiungimento di uno sviluppo armonico della personalità.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • 4 incontri di 2 ore ciascuno con i ragazzi.
  • 2 incontri con i genitori e insegnanti.

PRODOTTO FINALE:

Questionari di verifica.


Cibo e Avis (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.1 classe prima, n.2 classi seconde, n.2 classi terze, n.5 classi quarte, n.1 classe quinta, n.5 classi seconde (secondaria 1° grado) delle scuole primaria e secondaria di 1° grado. Per un totale di 319 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Un medico del dipartimento sanità pubblica AUSL di Piacenza, personale Avis, insegnante italiano/scienze.

OBIETTIVI: 

Conoscere i significati di una corretta alimentazione in rapporto con la donazione di sangue.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro di classe di presentazione Avis di circa 2 ore.


Io dono (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n. 3 classi terze della Scuola secondaria di 1° grado.Per un totale di 66 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnate di religione.

OBIETTIVI: 

Il volontariato sul territorio, mappatura delle associazioni presenti.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • Incontro in classe di presentazione Avis di due ore circa.
  • Ricerca e approfondimento delle realtà di volontariato.
  • Produzione di video, interviste, foto e articoli relative ai volontari e alle loro attività.
  • Presentazione degli elaborati in occasione dell’open day scolastico.

Io dono (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.7 classi terze e n.2 classi quinte delle Scuole secondarie di 1° e 2° grado. Per un totale di 166 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, Biologi UO di immunogenetica e manipolazione cellule staminali AUSL Piacenza.

OBIETTIVI: 

  • Favorire la coscienza della donazione, non solo di sangue ma anche di midollo.
  • Trapianto di cellule staminali, terapia del futuro.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • Incontro in classe di presentazione Avis di due ore circa.
  • Visita ai laboratori di immunogenetica e manipolazione cellule staminali.

Perchè donare? (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.3 classi quarte, n.10 classi quinte della Scuola secondaria di 2° grado, n.2 gruppi volontari servizio civile. Per un totale di 712 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnanti italiano/scienze, referente per il servizio civile.

OBIETTIVI: 

Importanza della donazione,5w.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione Avis di circa 2 ore.


Restyling logo Avis giovani Piacenza (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.2 classi terze del Liceo Artistico Cassinari di Piacenza. Per un totale di 38 studenti coinvolti. 

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis e referente gruppo Avis giovani.

OBIETTIVI: 

  • Favorire la conoscenza di Avis e della donazione e non solo.
  • Immaginare e realizzare un nuovo ed accattivante logo del gruppo Avis giovani Piacenza.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • Incontro in classe di presentazione Avis di 2 ore circa.
  • Presentazione degli elaborati.

Rosso sorriso, la meraviglia di donare (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.8 classe materne, n.5 classi seconde, n.3 classi terze della Scuola primaria. Per un totale di 285 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnante italiano.

OBIETTIVI: 

Significato di dono, conoscere Avis e i donatori.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione Avis  e visione della fiaba di Rosso sorriso.

PRODOTTO FINALE:

Disegno un sorriso, lo porto a casa e lo regalo a chi voglio.


Un biglietto d’auguri (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.3 cassi terze, n.2 classi quarte, n.6 classi quinte della Scuola primaria. Per un totale di 244 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnante italiano.

OBIETTIVI: 

Conoscere Avis e di donatori.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione Avis di circa 2 ore.

PRODOTTO FINALE:

Realizzare biglietti d’auguri natalizi.


Un disegno perl’Avis (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.10 classi terze, n.10 classi  quarte, n.1 classi quinte delle Scuole primarie. Per un totale di 480 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis , insegnante di itaiano.

OBIETTIVI: 

Conoscere Avis e di donatori.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione Avis di circa 2 ore.

PRODOTTO FINALE:

Disegno a tema utile per realizzare le copertine di quaderni.

Un dono da parte di Avis.


Una cartolina per mamma e papà (Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.5 classi terze, n.4 classi quarte, n.2 classi quinte delle Scuole primarie. Per un totale di 210 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, insegnante di italiano, scienze.

OBIETTIVI: 

Scrivere una cartolina di invito a conoscere Avis e a donare.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro in classe di presentazione Avis di circa 2 ore.

PRODOTTO FINALE:

Cartolina da spedire a cura di Avis.


Visita alla sala prelievi del cntro trasfusionale  di Piacenza e Fiorenuola d’Arda e ai laboratori di lavorazione del sangue  all’ospedale di Piacenza.(Avis provinciale Piacenza)

DESTINATARI:

n.8 cassi quinte della Scuola primaria, n.5 classi seconde della Scuola secondaria. Per un totale di 237 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis, Insegnanti di scienze, medici de centro trasfusionale, tecnici di laboratorio del centro trasfusionale.

OBIETTIVI: 

  • Favorire la conoscenza del sangue e il percorso della sacca donata.
  • I gruppi sanguigni, come si determinano?

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • Incontro in classe di presentazione Avis di circa 2 ore.
  • Visita alla sala prelievi ed ai laboratori di lavorazione del sangue.

Educazione al dono, alla solidarietà e alla salute (Avis provinciale Ravenna)

DESTINATARI:

n. 53 classi quarte e quinte della Scuola primaria. Per un totale di 1230 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Insegnanti di: Scienze, Discipline motorie e Italiano.

OBIETTIVI: 

Sensibilizzare gli alunni sui temi del dono, della solidarietà e della salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Ottobre 2018 Giugno 2019.

PRODOTTO FINALE: 

Incontro in aula con classi singole o abbinate.


Educazione al dono, alla solidarietà e alla salute (Avis provinciale Ravenna)

DESTINATARI:

n. 105 classi seconde e terze della Scuola secondaria di 1° grado. Per un totale di 2643 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Insegnanti di: Scienze Italiano e Discipline motorie.

OBIETTIVI: 

Sensibilizzare gli alunni sui temi del dono, della solidarietà e della salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Ottobre 2018 Giugno 2019.

PRODOTTO FINALE: 

Incontro in aula con classi singole o abbinate.


Educazione al dono, alla solidarietà e alla salute (Avis provinciale Ravenna)

DESTINATARI:

n.112 classi quarte e quinte della Scuola secondaria di 2° grado. n. 1 classe Università. Per un totale di 2309+15 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Insegnanti di: Scienze naturali, Lingua e letteratura italiana e Scienze motorie e sportive.

OBIETTIVI: 

Sensibilizzare gli alunni sui temi del dono, della solidarietà e della salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Ottobre 2018 Giugno 2019.

PRODOTTO FINALE:

Incontri in aula con gruppi di classi. Intervento con autoemoteca per test di idoneità alla donazione del sangue, per un totale n° 34 interventi e complessivamente 529 alunni testati. In contemporanea è stato presente anche il personale Medico sanitario ADMO per sottoporre gli studenti interessati agli esami di tipizzazione del midollo osseo.


Io penso con il cuore (Avis comunale Fenza)

DESTINATARI:

n.85 classi prime, seconde, terze, quarte e quinte della Scuola primaria. Per un totale di 2014 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

FAENZA FUTURA BASKET in collaborazione con medici e volontari AVIS Comunale Faenza.

OBIETTIVI: 

Oltre a giocare a basket si imparano aspetti conoscitivi del sistema cardiocircolatorio, imparano a far parte di una squadra, a non aver paura di sbagliare, al rispetto delle regole condivise e vengono portati i primi elementi di solidarietà all’interno della squadra che poi dovranno essere vissuti nel quotidiano. Attraverso il giochi scoprono e vivono valori positivi disegnandosi un futuro dove il cuore conserva una grande importanza nella sua totalità.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Novembre 2018 Febbraio 2019.

PRODOTTO FINALE:

Attività motoria in palestra ed incontro in aula con classi singole o abbinate. Ad ogni alunno è stato consegnato un diploma di partecipazione.


Avis (Avis comunale Baiso)

DESTINATARI:

Classe 5° Scuola Primaria dell’istituto G.B. Toschi Basio. Per un totale di 17 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontario sede Avis Basio(consigliere/insegnante) , n.3 insegnanti della Scuola Primaria G.B. Toschi di Basio (italiano, sienze e storia).

OBIETTIVI: 

Progetto richiesto dalla scuola per approfondire l’argomento sangue e la storia dell’Avis e del ruolo che l’associazione svolge sul territorio locale, provinciale, regionale nonchè Nazionale. L’associazione ha risposto positivamente alla richiesta al fine di fare promozione sociale sul territorio locale, sensibilizzando il tema “donazione e volontariato”.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Si è svolta la lezione frontale con gli alunni (3 ore circa) ove si è proiettato il progetto “power point” allegato, opportunamente integrato verbalmente dal nostro relatore. Lo stesso coadiuvato dal nostro Presidente si è poi reso disponibile a rispondere alle curiosità che gli alunni hanno posto. Alla fine della lezione si è rilasciato ad ogni bambino presente un gadget (matita, righello, quaderno) ed alcuni opuscoli informativi da portare a casa.


Un disegno per l’Avis (Avis comunale di Boretto)

DESTINATARI:

 n.3 classi 5° della Scuola Primaria di 1° grado di Boretto “F. Alberici”. Per un totale di 47 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Le insegnanti delle classi e l’insegnante di appoggio, la Croce Azzurra locale con 1 suo milite, 5 volontari Avis.

OBIETTIVI: 

Far conoscere le associazioni di volontariato ; Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

2 giorni, il 27 Febbraio ed il 06 Marzo; L’attività specifica si è svolta presso il punto Avis di prelievo congiunto a Brescello, in circa 3 ore ogni volta. Incontro con i volontari di 90 minuti, visita sede e simulazione di una donazione coi ragazzi come soggetti attivi di tutto il percorso, spiegazioni sul concetto di volontariato e solidarietà, provata la pressione arteriosa sviluppando il tema della salute nei restanti 90 minuti. 2 settimane prima è stato portato alle insegnanti il libro “l’amico del sangue” per essere distribuito e discusso in classe durante le lezioni.

PRODOTTO FINALE:

Foto, disegni e scritti sull’esperienza vissuta.


Un disegno per l’Avis (Avis comunale di Brescello)

DESTINATARI:

n. 3 classi quinte della Scuola Primaria di 1° grado di Brescello “Telesforo Righi” . Per un totale di 55 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Le insegnanti delle classi e l’insegnante di appoggio, la Croce Azzurra locale con 1 suo milite, 5 volontari Avis.

OBIETTIVI: 

Far conoscere le associazioni di volontariato ; Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

1 giorno, il 22 Maggio; L’attività specifica si è svolta presso il punto Avis di prelievo congiunto a Brescello, in circa 3 ore ogni volta. Incontro con i volontari di 90 minuti, visita sede e simulazione di una donazione coi ragazzi come soggetti attivi di tutto il percorso, spiegazioni sul concetto di volontariato e solidarietà, provata la pressione arteriosa sviluppando il tema della salute nei restanti 90 minuti. 2 settimane prima è stato portato alle insegnanti il libro “A scuola con l’Avis” per essere distribuito e discusso in classe durante le lezioni.

PRODOTTO FINALE:

Foto, disegni e scritti sull’esperienza vissuta.


Dono e solidarietà ( Avis comunale di Guastalla)

DESTINATARI:

n. 4 classi quinte delle Scuole Primarie degli I.C. “F. Gonzaga” e “S. Orsola” di Guastalla. Per un totale di 96 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis, Docenti di classe.

OBIETTIVI: 

Educare al valore della solidarietà e del dono, avvicinare alla realtà del volontariato, essere riferimento di collaborazione per gli Istituti Scolastici del territorio.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Tempi per la programmazione: 2 ore di cui 1 ora a settembre e 1 ora in prossimità dell’uscita classe. Tempo totale per attività classe: n° ore 3.30 / 4 ore, presso sede AVIS, gruppo classe – periodo gennaio/ febbraio 2019.

Attività:

 Presentazione del progetto al Dirigente e al Collegio (con lettera) e poi al gruppo docenti di classe quinta (intervento frontale con pp di presentazione + Kit) ad inizio settembre. Incontro con ogni singolo docente delle classi aderenti, per programmazione mirata alla classe.

 Attività con studenti: con personalizzazione sulla singola classe:    

  • Prima presentazione di AVIS tramite pp e preparazione all’attività successiva
  • Gioco “Una giornata da donatori”: ogni alunno è coinvolto attivamente, in un gioco di ruolo nella simulazione del PERCORSO DEL DONATORE. Ogni alunno sperimenta l’emozione del donare e l’importanza del controllo della salute.

A seguire:

  • “Gioco di ruolo” , per realizzare la rete della Solidarietà e della salute.

oppure

  • “Gioco del dono” realizzando il box della solidarietà che sarà continuato dal docente come attività di classe.

Infine, nel periodo successivo e a livello opzionale:

  • Realizzazione di disegni per AVIS.

PRODOTTO FINALE:

Cartelloni , anche con foto, nei locali delle scuole. Disegni degli alunni consegnati ad AVIS.


La scuola incontra Avis (Avis provinciale/comunale Luzzara)

DESTINATARI:

n. 5 classi quinte della Scuola primaria di Luzzara e di Villarotta. Per un totale di 78 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis,  insegnanti delle classi coinvolte.

OBIETTIVI: 

Far conoscere l’Associazione Avis anche nelle scuole, sensibilizzare i ragazzi ai temi del dono,  della solidarietà, del volontariato e sottolineare l’importanza della donazione di sangue ed educare alla salute.                   

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

 n° 1:30 ore di lezione in ogni classe coinvolta

 Periodo: marzo 2019

Attività:

  • incontro con i volontari della sezione AVIS di Luzzara
  • domande-stimolo per indurre alla riflessione sul tema del dono e della solidarietà
  • visione di un cartone animato sul tema del dono e dell’aiuto reciproco
  • brevi cenni sulla storia della nostra associazione
  • giochi sull’acronimo AVIS
  • presentazione delle associazioni AIDO e ADMO
  • conversazione guidata sui temi affrontati
  • distribuzione di opuscolo informativo, lettera ai genitori, libretto “Giochi di creatività senza confini”
  • Concorso grafico: dopo la lezione in classe, viene chiesto ad ogni alunno di elaborare un prodotto grafico. I tre elaborati migliori saranno premiati nel corso della manifestazione “Gustosamente” del 14 aprile 2019. Successivamente la commissione composta da Direttivo AVIS, Dirigente scolastico e Presidente dell’associazione “Rubacuori” sceglierà due o più elaborati: i medesimi diverranno la copertina del diario scolastico di tutti gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Luzzara  per l’anno scolastico 2019-2020.
  • saluti con la canzone “La canzone del sangue”

PRODOTTO FINALE:

– indice di gradimento rilevato dalle insegnanti di classe attraverso un circle time.

– materiale fotografico e grafico.


Dono e Solidarietà (Avis provinciale Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

n. 2 classi quinte delle Scuole Primarie di Viano e di S. Giovanni di Querciola. Per un totale di 33 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari AVIS (Gruppo Scuola Avis Provinciale), Docenti di classe.

OBIETTIVI: 

Educare al valore della solidarietà e del dono, avvicinare alla realtà del volontariato, essere riferimento di collaborazione per gli Istituti Scolastici del territorio reggiano.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Tempi per la programmazione: 1 ora, tramite contatti telefonici e via mail.

 Tempo totale per attività classe: n° ore 3.30, presso la Scuola di VIANO – il giorno 17 aprile 2019.

 Attività:

 

  1. La Scuola ha ricevuto, tramite l’USP di RE, il Kit Progetti di AVIS e relativa lettera di accompagnamento con apprezzamento delle proposte, da parte della Dott.ssa Ruozzi, Responsabile dell’Uff Formazione dell’USP
  1. Due Docenti di classe, interessate al modulo di Scuola primaria, hanno preso contatto con AVIS Provinciale e la referente del progetto. Sono seguiti contatti per chiarimenti ed accordi per la realizzazione dell’attività scelta (Dono e solidarietà con lo sviluppo della proposta operativa “E” cioè “Gioco di ruolo” e con la sperimentazione del “Percorso del Donatore” pur nei locali della scuola)

 

  1. Attività con studenti:
  • Prima presentazione di AVIS e del sangue tramite pp e approfondimento (su richiesta degli alunni) dei gruppi sanguigni e della compatibilità utilizzando “modellini” dei gruppi con modalità di partecipazione degli studenti. Preparazione all’attività successiva (Percorso del Donatore)
  • Gioco “Percorso del donatore”: ogni alunno è coinvolto attivamente, in un gioco di ruolo nella simulazione del PERCORSO DEL DONATORE (Accoglienza, compilazione questionario, anamnesi con prova pressione, peso ed infine controllo a piccoli gruppi della frequenza cardiaca). Ogni alunno sperimenta l’emozione del donare e l’importanza del controllo della salute.

A seguire:

  • “Gioco di ruolo”  concordato con le maestre che hanno preparato ogni ragazzo al proprio ruolo, per realizzare la rete della Solidarietà e della salute.

Infine, nel periodo successivo e a livello opzionale:

  • Realizzazione di disegni per AVIS

PRODOTTO FINALE:

Disegni degli alunni consegnati ad AVIS

Verifica: raccolta delle opinioni da parte delle docenti e confronto tra le due operatrici AVIS che hanno realizzato l’attività.

Le docenti hanno mostrato apprezzamento della qualità dell’intervento e del notevole coinvolgimento degli alunni in tutte le fasi.

Le Operatrici AVIS concludono che Il PERCORSO DEL DONATORE può essere realizzato anche nei locali scolastici ma occorre avere un gruppo piccolo (max 20/22 studenti), spazi adeguati, cioè almeno quattro aule/stanze a disposizione ed inoltre 2 volontari e almeno due maestre collaboranti.


Avis Solidarietà / Solidarietà Avis (Avis comunale di San Polo D’enza e Canossa)

DESTINATARI:

5 classi quinte (elementari) e 5 classi terze (medie) . Per un totale di 218 studenti partecipanti. 

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

10 insegnanti materie scientifiche e 3 volontari Avis San Polo e Canossa.

OBIETTIVI:

–Allargare conoscenze scientifiche.

– Importanza del dono.

– Necessità di donare.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • 3 ore classi elementari, 4 ore classi medie.
  • In classe presso gli istituti.
  • Opuscoli, filmini, colloqui con scolari o studenti.

Dono e Solidarietà (Avis comunale Santa Vittoria)

DESTINATARI: 

Classe quinta Scuola Primaria dell’Istituto comprensivo Di Gualtieri. Per un totale di 17 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Personale Avis: Bonori Fausto, Catellani Stefania, Truzzi Nadia.

OBIETTIVI:

  • Accendere la riflessione sul significato ampio di dono.
  • Sviluppare il senso di solidarietà.
  • Integrare i contenuti del programma scolastico tramite la visita della sede Avis, con simulazione di una donazione.
  • Conoscere le associazioni presenti sul territorio.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

  • ORE 9.00: ACCOGLIENZA NELLA SEDE AVIS DI S.VITTORIA E PRESENTAZIONI
  • ORE 9.15: PRESENTAZIONE POWER POINT. Contenuti: breve storia dell’AVIS; descrizione apparato circolatorio, sangue e gruppi sanguigni; uomo come unica fonte di sangue; tipi di donazione; percorso del donatore; identità del donatore. Risposta alle domande dei ragazzi sugli argomenti esposti.
  • ORE 10.00: VISITA DELLA SEDE CON SIMULAZIONE DEL PERCORSO DEL DONATORE. Ogni studente ha interpretato un ruolo: dottore, assistente, infermiere, segretario, donatore. Ogni aspirante donatore si è recato nel punto accettazione e ha ricevuto una cartellina con i documenti necessari. Utilizzando gli strumenti in uso nella Sede, il dottore ha ricevuto uno ad uno, aiutato da due assistenti, i candidati donatori, che, appena prima, avevano compilato il “Questionario anamnestico” (in seguito allegato). Il dottore ha controllato le risposte date, sono stati misurati peso, altezza, pressione arteriosa minima e massima, frequenza cardiaca, quindi, ogni donatore idoneo si è recato in sala prelievi, dove è stata rilevata la frequenza del battito cardiaco dagli infermieri, muniti di fonendoscopio e cronometro.
  • 10.50: MERENDA
  • 11.15: GIOCO DEL DONO. Questa attività ha portato alla conclusione che “parole o gesti gentili sono doni preziosi”. I ragazzi hanno incollato sull’albero del dono foglie e fiori con i loro doni.
  • 12.00: TERMINE ATTIVITA’ E SALUTI

PRODOTTO FINALE:

Cartellone “L’albero del dono”, che viene portato a scuola dall’insegnante e sarà eventualmente arricchito con nuovi doni nel tempo.


Educazione al dono per la scuola primaria (Avis comunale S. Ilario d’Enza in rete con Aido e Admo)

DESTINATARI: 

Classe 5A – Scuola Statale “Carlo Collodi” – via Podgora, 19 – S. Ilario

Classe 5B – Scuola Statale “Carlo Collodi” – via Podgora, 19 – S. Ilario

Classe 5A – Scuola Statale “Bruno Munari” – via Roma, 85 – S. Ilario

Classe 5B – Scuola Statale “Bruno Munari” – via Roma, 85 – S. Ilario

Classe 5U – Scuola Statale “Italo Calvino” – via Patrioti, 8 – Calerno

Per un totale di 115 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

AVIS S.Ilario con il presidente Pietro Micucci e il prof. Valter Gelosini, insegnante di lettere

in pensione e di grande esperienza comunicativa. AIDO/RE   con  il  vice Presidente Provinciale dr. Salvatore De Franco.  ADMO/RE con la Dott.ssa Federica Biasion, referente sanitario ADMO Reggio Emilia. coadiuvata da Giulio Macchia e Federica Ferretti del SCN per ADMO.

OBIETTIVI:

Far conoscere ai ragazzi le Associazioni del Dono AVIS , AIDO e ADMO, approfondire insieme l’argomento del sangue ed aiutarli a comprendere le motivazioni che spingono i Volontari alla solidarietà.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

E’ stato programmato un incontro per ogni classe della durata di due ore tra marzo ed aprile 2019.

Questo progetto ha visto  impegnata la nostra equipe in cinque classi quinte della primarie   attraverso relazioni stimolanti in un confronto continuo con gli alunni  e tramite l’ausilio di slide e video.

Ha iniziato il presidente Pietro Micucci di Avis S. Ilario spiegando le motivazioni del progetto, gli obiettivi e le aspettative, soffermandosi infine sulle finalità e attività di AVIS. In seguito è intervenuta la dr.ssa Federica Biasion di ADMO/RE, coadiuvata da Giulio Macchia e Federica Ferretti del SCN per ADMO, che hanno approfondito in modo scientifico l’argomento  sangue, il cuore e la circolazione, la tecnica dei prelievi e le trasfusioni concludendo con le finalità e attività di ADMO. Il dr. Salvatore De Franco di AIDO/RE ha esaminato ulteriormente i trapianti di organi, ha dato risposte chiare ed esaurienti agli alunni sul corpo umano e sul sangue, ha sottolineato l’importanza della salute e dei sani stili di vita, ha approfondito l’argomento del fine vita e della morte cerebrale e ha concluso spiegato gli scopi  e le azioni di AIDO.  Il prof. Walter Gelosini ha approfondito le motivazioni del Volontariato, ribadito l’importanza dei Volontari nella società considerando  queste  Associazioni come risorsa per il bene della comunità.

Al termine delle varie relazioni si è dato ampio spazio alle domande degli alunni sui vari temi trattati.

PRODOTTO FINALE:

Ad ogni alunno sono stati consegnati depliant illustrativi delle varie Associazioni e dispense didattiche, l’opuscolo “Giochi di creatività senza confini. Come restituzione e verifica di compartecipazione al nostro intervento è stata richiesta la consegna, dopo circa un mese, della Pagina di Creatività (ultima pagina dell’opuscolo) con commenti, slogan, acrostici o disegni sulla solidarietà e sui vari tipi di donazione. Queste pagine saranno conservate nella raccolta speciale di  attività  Avis nelle scuole ed esposta in occasione di mostre e/o anniversari. Micucci è andato a poi ritirare le pagine creative nelle varie classi e, come ringraziamento per la partecipazione attiva e fattiva al progetto, ha donato agli alunni quadernoni, righelli, matite e adesivi Avis.


Viva la Solidarietà con il diario Avis 2019-2020 (Avis comunale S.Ilario d’Enza e Calerno)

DESTINATARI: 

Primaria:

Scuola “B. Munari” – via Roma – S.Ilario

– doc. Michetti e Bonaretti – classe 4^ con 24 alunni e 2 insegnanti: tot 26

Scuola .”C. Collodi” – via Podgora – S.Ilario

– doc. Ghizzoni e Musicò –   classe 4A con 24 alunni e 2 insegnanti: tot 26

– doc. Mancuso e Menozzi – classe 4B con 22 alunni e 2 insegnanti: tot 24

Scuola “I. Calvino” – via Patrioti – Calerno

– doc. Olivieri e Barbato – classe 4A con 19 alunni e 2 insegnanti: tot 21

– doc. Eliseo e Bitetti – classe 4B con 21 alunni e 2 insegnanti: tot 23

Scuola Familiare  “Lola Sacchetti” – via Val d’Enza – S.Ilario

– doc. Mazzali e Pastori –  classe. 4^ con 17 alunni e 2 insegnanti: tot 19

Per un totale di 127 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Iniziativa di Avis S. Ilario, condivisa con Avis Calerno e accettata dai docenti sopra citati.

OBIETTIVI:

Diario “viva la solidiarietà” , curato da Giovanna Barbieri di Avis Modena, vuole essere un aiuto ai ragazzi per addentrarsi gradatamente nella conoscenza del corpo umano e della importanza del sangue. Questo sussidio didattico, offerto gratuitamente dall’Avis S.Ilario e Avis Calerno, è stato proposto ad ottobre 2018 ai dirigenti scolatici locali, accettato a gennaio 2019 dal corpo docente e con il consenso dei genitori, sarà consegnato a giugno 2019 ai ragazzi come Diario scolastico per il 2019-2020. Sulla prima pagina sarà posta questa dedica:

Cari ragazzi,

l’Avis di S.Ilario e Calerno, nel donarvi questo Diario dedicato a chi frequenta la quinta classe della Scuola Primaria nell’anno scolastico 2019-2020, augura ad ognuno di voi un anno speciale.

Troverete infatti nel Diario  “viva la solidiarietà”  un valido e simpatico aiuto per conoscere meglio il vostro corpo composto da tante arterie, vene, capillari, ossa e muscoli in cui scorre il sangue con le sue importanti funzioni.

Scoprirete anche tanti modi semplici e divertenti per essere in forma e buoni consigli per sani stili di vita perché quando sarete più grandi, se vi manterrete in buona salute e con il cuore aperto alla solidarietà, potrete anche voi diventare donatori di sangue.

Buon anno scolastico!

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

 Consegna dei diari ( 140 in totale ) nel Giugno 2019  alle singole Classi.

PRODOTTO FINALE:

Acquisizioni giornaliere di nozioni sull’argomento del sangue che preparerà i ragazzi, tra marzo e aprile 2020 , ad approfondire insieme alla nostra equipe questa materia di studio facilitando così anche la conoscenza delle associazioni del dono.


Avis e Scuola (Avis comunae di Boretto)

DESTINATARI: 

n. 3 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado di Boretto “Nizolio”. Per un totale di 51 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Gli insegnanti di scienze dell’istituto scolastico, la Croce Azzurra locale con tre militi, 5 volontari ed un medico Avis.

OBIETTIVI:

Far conoscere le associazioni di volontariato; Educare alla cittadinanza attiva; Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

1 giorno il 18 Marzo; l’attività specifica si è svolta presso il punto Avis di prelievo congiunto a Brescello, le classi si alternano nelle seguenti attività in circa 3 ore: incontro coi volontari di 30 minuti tutti assieme, visita sede e mezzo di soccorso portato sul posto 45 minuti, attività operativa di determinazione del gruppo sanguigno 45 minuti, di misurazione della pressione arteriosa e di applicazione delle tecniche di primo soccorso 45 minuti. Due settimane prima è stato portato alle insegnanti di scienze il libro “A scuola con Avis” per essere distribuito e discusso in classe durante le lezioni.

PRODOTTO FINALE:

Foto e testi.


Avis e Scuola (Avis comunale di Brescello)

DESTINATARI: 

n.2 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado di Brescello “Panizzi”. Per un totale di 41 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Gli insegnanti di scienze dell’istituto scolastico, la Croce Azzurra locale con tre militi, 5 volontari ed un medico Avis.

OBIETTIVI:

Le associazioni di volontariato; Educare alla cittadinanza attiva; Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

1 giorno il 25 Febbraio; l’attività specifica si è svolta presso il punto Avis di prelievo congiunto a Brescello, le classi si alternano nelle seguenti attività in circa 3 ore: incontro coi volontari di 30 minuti tutti assieme, visita sede e mezzo di soccorso portato sul posto 45 minuti, attività operativa di determinazione del gruppo sanguigno 45 minuti, di misurazione della pressione arteriosa e di applicazione delle tecniche di primo soccorso 45 minuti. Due settimane prima è stato portato alle insegnanti di scienze il libro “A scuola con l’Avis” per essere distribuito e discusso in classe durante le lezioni.

PRODOTTO FINALE:

Foto e testi.


Incontro Avis e Scuol secondarie (Avis comunale Campagnola Emilia)

DESTINATARI: 

n. 3 classi seconde della Scuola secondaria “G.Galilei” di Campagnola Emilia. Per un totale di 60 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Insegnanti della scuola, personale AVIS.

OBIETTIVI:

Far conoscere le attività della nostra sezione AVIS ai ragazzi delle classi 2^ della  Scuola secondaria “G. Galilei” di Campagnola Emilia.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Incontro frontale dei volontari AVIS della nostra sezione con i ragazzi delle classi 2^ della Scuola secondaria. In questo incontro vengono esposte le attività che si fanno in AVIS e viene proposto un gioco con tema i gruppi sanguigni. Un altro giorno, durante una giornata in cui la nostra sezione ha il prelievo, le classi 2^ della Scuola secondaria fanno visita alla nostra sede.


Laboratorio Avis-Scuola (Avis comunale di Casalgrande)

DESTINATARI:

n.8 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado. Per un totale di 160 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Sanzio Canalini (Presidente AVIS Comunale),

Nadia Truzzi e Rosanna Giuffrida (AVIS Prov.le progetto scuola),

Prof. Vittorio Fichera (Insegnante Scuola Media)

OBIETTIVI:

-Collaborazione piu‘ radicata della scuola con realta‘ di volontariato.     

-Coinvolgere ragazzi e portare conoscenza ed esperienza del volontariato.

-Essere presenti con continuita‘ nel mondo della scuola.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Il progetto si e‘ svolto in 2 giornate nelle aule messe a disposizione dalla scuola in cui, dopo una presentazione teorica/storica con slides di AVIS, si e‘ proceduto con prove pratiche (prova pressione, gruppi sanguigni).

PRODOTTO FINALE:

-Prove pratiche di rilevazione Gruppi Sanguigni e Prove Pressione che ha visto un totale coinvolgimento degli studenti attivi e propositivi.

-Si e‘ rilasciato, oltre a gadgets, un attestato di partecipazione a ciascun studente.


Avis e Croce Arancione nella Scuola.(Avis comunale di Cavriago)

DESTINATARI:

n.5 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado Don Dossetti Cavriago. Per un totale di 104 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis, volontari Croce Arancione.

OBIETTIVI:

– Conoscere le attività, il funzionamento e gli ideali alla base di un’associazione di volontariato.
– Approfondire la funzione del sangue nel nostro organismo e comprendere la necessità della donazione.
– Sensibilizzare alla solidarietà e alla reciprocità per una convivenza civile attraverso l’esperienza del volontariato.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

1 -PRIMA GIORNATA INCONTRO A SCUOLA
Incontri con le classi di 2° media con un volontario AVIS, un medico AVIS, due volontari Croce Arancione
Si organizzano due incontri in aula magna con due classi per volta.
Durante l’incontro i quattro relatori si alternano, dando agli interventi il senso del percorso del sangue, dalla raccolta, al controllo, alla banca del sangue, all’utilizzo.
Il sangue diventa quindi un filo conduttore che trasforma il senso del sociale e dell’altruismo di varie persone in un atto di volontariato concreto e organizzato, per portare sostegno in luoghi e situazioni in cui, senza tutto questo, altre persone non avrebbero opportunità di vita.
2 – SECONDA GIORNATA VISITA ALLE SEDI DELLE DUE ASSOCIAZIONI
Da realizzare in due sabati; in ciascuno dei due partecipano due/tre classi separatamente.
Ogni classe viene divisa in due gruppi, uno va alla sede della Croce Arancione a Montecchio (col pullman del comune) e l’altro alla sede AVIS di Cavriago.
Percorso in CROCE ARANCIONE
Al gruppo che visita la CA sarà illustrato il funzionamento dell’organizzazione, i mezzi di soccorso, del centralino, gli impegni e i ruoli dei volontari.
Dopo di che fa rientro a Cavriago col pullman che li lascia in casa protetta; con loro deve arrivare anche un’ambulanza.
Il gruppo, insieme ai volontari CA, allestisce un finto incidente nel cortile della casa protetta (in caso di mal tempo all’interno). Uno dei ragazzi farà la parte dell’infortunato, gli altri, affiancati da volontari CA, saranno i soccorritori.
L’allarme viene dato dalla sirena dell’ambulanza che, udita dall’interno della sede AVIS, farà accorrere tutti alle finestre. Una chiamata avvisa che l’allestimento dell’esercitazione del soccorso è pronto.
Insegnanti e ragazzi dell’AVIS si recano sul “luogo dell’incidente” dove assisteranno alle operazioni di
soccorso in caso di incidente.
Terminate le operazioni si rientra in AVIS, dove i ragazzi consumano la tradizionale merenda e si
distribuiscono i gadget di ricordo, poi rientrano a scuola.
Percorso in AVIS
Si cerca di dare il più possibile un’immagine dinamica del funzionamento della sezione, non strettamente
limitata alla giornata della donazione, ma comprendendo anche i retroscena.
Si parte quindi con una riunione per organizzare la giornata di donazione; sono presenti sia i ragazzi che vari
volontari che affiancano fin d’ora i ragazzi nell’intervenire e nel fare vero e proprio.
Un segretario (uno dei ragazzi) verbalizza; nella riunione si decidono le date della donazione.
Si preparano i manifesti, le comunicazioni da mandare a casa; cosa mettiamo per inviare la gente?
Si assegnano gli incarichi: chi farà cosa? Andare a prendere e preparare le sacche, le provette, le cartelle; il
medico, gli addetti alla compilazione dei registri, l’infermiere che fa il prelievo, chi prepara il rinfresco, chi
raccoglie le sacche e le provette e le porta a RE, ecc.
Dopo la riunione si parte con il percorso della donazione. Ciascuno raggiunge le postazioni, con affiancati i
ragazzi. Si apre la sede, esponendo lo stendardo.
Entra il donatore (un ragazzo della classe) con un volontario e fa tutto il percorso come previsto; man mano
che si passa dalle varie postazioni, gli altri si aggregano al donatore. Tutto deve essere come se fosse vero,
predisponendo copie delle cartelle, dei registri, dei codici a barre, ecc. con relativa compilazione.
Al termine naturalmente non si fa la vera donazione, ma si racconta solo; magari, lo facciamo vedere noi
volontari. Però le sacche e le provette ecc. si preparano come se fosse tutto vero.
Al momento di partire per RE col sangue, deve avvenire la ricongiunzione con il gruppo della CA.


Scuole medie (Avis comunale di Correggio)

DESTINATARI:

n.5 classi seconde dell’Istituto comprensivo Correggio 1 (ex Marconi). Per un totale di 100 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

2 volontari Avis Correggio, Dottoressa Santachiara, Nadia Truzzi,  Prof.ssa Del Coco.

OBIETTIVI:

Promozione dell’Associazione Avis, valore del donare, sano stile di vita, requisiti del donatore e conoscenza del corpo umano e del sangue.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

15 e 20 Marzo 2019 dalle 8 alle 13 in aula presso la scuola.

PRODOTTO FINALE:

Proiezione di slide ed esposizione da parte del medico. Fase pratica con prova della pressione, determinazione del gruppo sanguigno. Distribuzione di gadget.


Incroci di Solidarietà (Avis comunale di Fabbrico e Rolo)

DESTINATARI:

n.3 classi prime della Scuola secondaria di 1° grado di Fabbrico. Per un totale di 75 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

n° 6 volontari AVIS Fabbrico e Rolo, n°1 infermiera Chiara Iotti, n° 8 volontari CROCE ROSSA, n° 3 Vigli Urbani, n° 3 insegnanti: Scienze motorie, Lettere, Scienze matematiche.

OBIETTIVI:

Partendo dal rispetto delle regole stradali, ecco perché l’aiuto dei VIGILI URBANI, creare nei ragazzi giovani la consapevolezza dell’importanza del volontariato e l’esistenza di strutture come AVIS e CROCE ROSSA.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Nella giornata del 26/02/19 dalle ore 14 alle 16, presso la seda AVIS e CRI di Fabbrico abbiamo simulato un’incidente tra un veicolo e dei ragazzi in bicicletta, quindi l’arrivo dell’autoambulanza per il soccorso e dei vigli urbani per i rilievi del caso. Successivamente spiegazione di educazione stradale, primo soccorso e infine cos’è l’AVIS e cosa fa per chi ha bisogno.

PRODOTTO FINALE:

Momento di riflessione in aula.


Conoscere il volontariato insieme all’Avis (Avis comunale di Gualtieri)

DESTINATARI:

n.3 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado di Gualtieri. Per un totale di 48 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari AVIS Gualtieri e Guastalla, Croce Rossa Italiana di Guastalla,docenti di scienze e Italiano della scuola.

OBIETTIVI:

  • Fare conoscere AVIS e CRI ed il Volontariato in genere.
  • Educare alla Cittadinanza attiva.
  • Potenziare la  collaborazione con la Scuola del territorio.
  • Fare conoscere AVIS e CRI ed il Volontariato in genere.
  • Educare alla Cittadinanza attiva.
  • Potenziare la  collaborazione con la Scuola del territorio.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

periodo aprile/maggio 2019

Ogni incontro (con singolo gruppo classe)  ha la durata di 3 ore presso la sede AVIS di Gualtieri con le seguenti attività:

Incontro con i volontari e  visita alla sede, studio e riconoscimento dei gruppi sanguigni, misurazione della pressione arteriosa, tecnica di rianimazione cardio-polmonare, visita dell’ambulanza CRI e tecniche di primo soccorso. 

PRODOTTO FINALE:

Incontri in AVIS.


Essere volontari è bello (Avis comunale Guastalla)

DESTINATARI:

n° 7 classi seconde medie  + 2 gruppi di studenti (di prima e seconda) partecipanti a laboratori pomeridiani PON 3.0 (Programma Operativo Nazionale – Fondi strutturati europei)) della Scuola.

Scuole Secondarie di primo grado degli I.C. “F. Gonzaga” e “S. Orsola” di Guastalla.

Per un totale di 200 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari AVIS, Volontaria in ASL presso AVIS Guastalla, Associaz CRI e AIDO di Guastalla, docenti di Scienze, di Lettere e di Ed. Motoria degli Istituti destinatari, Medico AVIS Dott.ssa Santachiara (solo per laboratorio Alimentazione).

OBIETTIVI:

  • Far conoscere le Associazioni di volontariato del territorio.
  • Educare alla cittadinanza attiva e alla solidarietà.
  • Educare alla salute.
  • Essere riferimento di collaborazione per gli Istituti Scolastici del territorio.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Tempo totale n° ore 3.30 / 4 ore, presso sede AVIS AIDO CRI, gruppo classe (massimo n° 30 alunni) – periodo febbraio/aprile 2019 – Per i Laboratori pomeridiani anche attività presso la Scuola.

 Attività: (in ordine variabile)

 

Attività mattina: (vedi KIT Progetti pag 6 Moduli 1+2)

  • Incontro con i Volontari delle Associazioni AVIS, AIDO, CRI e visita guidata ai locali e ai mezzi (ambulanza) (durata: 1 ora)
  • Presentazione AVIS con proiezione slides, Attività pratiche di determinazione del Gruppo Sanguigno e di misurazione della Pressione Arteriosa (durata 1 ora e 30 min)
  • Esperienze di semplici tecniche di Primo Soccorso e norme di comportamento (durata: 30 min)
  • Manovre BLS (Basic Life Support) e RCP (Rianimazione Cardio Polmonare): esercitazione guidata (durata: 30 min)
  • Merenda (durata: 15 min)

 Laboratori PON:

a) laboratorio di Lettere “La Voce del Gonzaga”: il gruppo di studenti aderenti al Laboratorio (redazione) intervista Dirigenti, operatori e donatori AVIS per produrre articoli e pubblicazione della Scuola.

b) laboratorio di Ed Motoria “Anch’io ho bisogno del mio stile” per un approfondimento sull’alimentazione /attività motoria: AVIS e docenti programmano l’attività, i ragazzi compilano il proprio diario alimentare, quindi presso la scuola un pomeriggio il gruppo di studenti, con i genitori che vogliano aderire, incontra il medico AVIS per un breve incontro teorico e di restituzione di quanto emerso nei diari alimentari. Gli studenti si cimentano poi in attività di gioco a punti sul tema dell’alimentazione (es. rebus, indovinelli, prove fisiche, ecc) con la supervisione della Dott.ssa Santachiara.

PRODOTTO FINALE:

Cartelloni foto nei locali delle scuole, Questionario di gradimento (google form), giornalino scuola, vademecum alimentazione, festa finale della Scuola con la presentazione dei Laboratori PON.


Avis e Scuola (Avis comunale di Poviglio)

DESTINATARI:

n.3 classi seconde della Scuola secondaria di 1° grado di Poviglio “De Sanctis”. Per un totale di 65 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Gli insegnanti di scienze dell’istituto scolastico, la Croce Azzurra locale con tre militi, 5 volontari ed un medico Avis.

OBIETTIVI:

Conoscere le associazioni di volontariato; Educare alla cittadinanza attiva; Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

2 giorni il 04 Febbraio ed 11 Febbraio; l’attività specifica si è svolta presso la sede Avis/Croce Azzurra di Poviglio, le classi si alternano nelle seguenti attività in circa 3 ore ogni volta: incontro coi volontari di 45 minuti tutti assieme, visita sede e mezzo di soccorso sul posto 45 minuti, attività operativa di determinazione del gruppo sanguigno 45 minuti, di misurazione della pressione arteriosa e di applicazione delle tecniche di primo soccorso 45 minuti. Due settimane prima è stato portato alle insegnanti di scienze il libro “l’amico sangue” per essere distribuito e discusso in classe durante le lezioni.

PRODOTTO FINALE:

Foto e testi.


Educazione al dono per la Scuola secondaria di 1° grado (Avis comunale di S.Ilario d’Enza in rete con Aido e Admo)

DESTINATARI:

n 1 classe seconda della Scuola Secondaria di 1° grado.

Classe 2^ –Scuola Secondaria di 1° grado Familiare “MARIACHIARA” – via Val d’Enza, 77 – S. Ilario. Per un totale di 21 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Associazioni :

AVIS S.Ilario con il presidente Pietro Micucci e il prof. Valter Gelosini, insegnante di lettere

in pensione e di grande esperienza comunicativa. AIDO/RE   con  il  vice Presidente Provinciale dr. Salvatore De Franco.  ADMO/RE con la Dott.ssa Federica Biasion, referente sanitario ADMO Reggio Emilia. coadiuvata da Giulio Macchia e Federica Ferretti del SCN per ADMO.

OBIETTIVI:

Far conoscere ai ragazzi le Associazioni del Dono AVIS , AIDO e ADMO, approfondire insieme l’argomento del sangue ed aiutarli a comprendere le motivazioni che spingono i Volontari alla solidarietà.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

E’ stato programmato un incontro con la classe della durata di due ore tra marzo ed aprile 2019. Questo progetto ha visto  impegnata la nostra equipe  attraverso relazioni stimolanti in un confronto continuo con gli alunni  e tramite l’ausilio di slide e video. Ha iniziato il presidente Pietro Micucci di Avis S. Ilario spiegando le motivazioni del progetto, gli obiettivi e le aspettative, soffermandosi infine sulle finalità e attività di AVIS. In seguito è intervenuta la dr.ssa Federica Biasion di ADMO/RE, coadiuvata da Giulio Macchia e Federica Ferretti del SCN per ADMO, che hanno approfondito in modo scientifico l’argomento  sangue, il cuore e la circolazione, la tecnica dei prelievi e le trasfusioni concludendo con le finalità e attività di ADMO. Il dr. Salvatore De Franco di AIDO/RE ha esaminato ulteriormente i trapianti di organi, ha dato risposte chiare ed esaurienti agli alunni sul corpo umano e sul sangue, ha sottolineato l’importanza della salute e dei sani stili di vita, ha approfondito l’argomento del fine vita e della morte cerebrale e ha concluso spiegato gli scopi  e le azioni di AIDO.  Il prof. Walter Gelosini ha approfondito le motivazioni del Volontariato, ribadito l’importanza dei Volontari nella società considerando  queste  Associazioni come risorsa per il bene della comunità. Al termine delle varie relazioni si è dato ampio spazio alle domande degli alunni sui vari temi trattati.

PRODOTTO FINALE:

Ad ogni alunno sono stati consegnati depliant illustrativi delle varie Associazioni e dispense didattiche, l’opuscolo “Giochi di creatività senza confini. Come restituzione e verifica di compartecipazione al nostro intervento è stata richiesta la consegna, dopo circa un mese, della Pagina di Creatività (ultima pagina dell’opuscolo) con commenti, slogan, acrostici o disegni sulla solidarietà e sui vari tipi di donazione. Queste pagine saranno conservate nella raccolta speciale di  attività  Avis nelle scuole ed esposta in occasione di mostre e/o anniversari. Micucci è andato a poi ritirare le pagine creative nella classe e, come ringraziamento per la partecipazione attiva e fattiva al progetto, ha donato agli alunni quadernoni, righelli, matite e adesivi Avis.


Donare: dare ad altri liberamente e senza compenso cosa utile e gradita (Avis, comunale Castelnovo ne’ Monti con Aido,Admo e Croce Verde)

DESTINATARI:

Tutte le classi quinte degli istituti superiori
di Castelnovo ne’ Monti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

AIDO APPENNINO REGGIANO
● AVIS, sez. di Castelnovo ne’ Monti, Baiso, Casina
● ADMO Reggio Emilia
● P.A. CROCE VERDE Castelnovo ne’ Monti

OBIETTIVI:

  • Promuovere la donazione di sangue, midollo e organi e volontariato nelle pubbliche
    assistenze.
  • Promuovere uno stile di vita sano.
  •  Raccogliere i contatti degli studenti interessati a diventare donatori / volontari.
  • Accompagnarli lungo l’iter per diventare donatori / volontari.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Presentazione progetto ai Dirigenti Scolastici che si intendono coinvolgere.
● Definizione date e durata progetto ed inserimento nel programma scolastico 2018/2019.
● Decidere insieme uno o più insegnanti di riferimento del progetto, con cui mantenere i
rapporti scuola/associazioni.
● Definizione degli spazi dove poter svolgere il progetto.
● Progettazione di ogni singolo incontro.
● Distribuzione materiale informativo delle 4 associazioni presenti.
● Dopo l’incontro: sistemazione del materiale raccolto, inserimento dei dati nel file
predisposto per la statistica.
● Contattare gli studenti interessati per ricordare/prenotare gli esami d’idoneità, ed incontro
con associazione per valutare insieme un percorso formativo.
● Organizzare un incontro di monitoraggio con i docenti referenti del progetto, aperto anche a
dirigenti e altri docenti interessati, per coinvolgerli ulteriormente, restituire i dati della
campagna di promozione e ascoltare loro richieste e/o idee.

Durata complessiva intervento: 3 ore
● Presentazione di ogni singola associazione: 5 minuti ciascuna
● Ci raccontiamo, con video ed esperienze delle varie associazioni: durata 60/70 minuti circa
● Post-it-tiamo, domande e curiosità sull’importanza del donare: 30 minuti circa
● Stand del conoscere e del provare: 60/70 minuti per fare prove pratiche con le varie
associazioni.
● Distribuzione volantino illustrativo e raccolta adesione.


Progetto alternanza scuola-lavoro (Avis comunale Guastalla e Avis provinciale Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

Candidata Esterna IISS “GALVANI IODI” Reggio Emila e Scuola Secondaria di 2° grado di Guastalla Istituto “Russell” – Liceo Scientifico.

studentessa privatista + classe Quarta Liceo Scientifico. Per un totale di 2 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Responsabili AVIS Guastalla; responsabile di segreteria UdR e AVIS Guastalla, medici e infermieri AVIS, docente tutor dell’Istituto.

OBIETTIVI:

Promuovere AVIS tra i giovani.

Potenziare esperienze di volontariato in AVIS.

Potenziare la collaborazione con gli Istituti Superiori di Guastalla.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Progettazione del percorso: primi contatti del tutor AVIS con docente tutor ( o con la studentessa interessata) per acquisire documentazione della scuola in relazione alle competenze fissate e al Piano Formativo; incontro del tutor AVIS con Consiglieri AVIS collaboratori nel percorso per elaborazione proposte operative; elaborazione del progetto AVIS (ad integrazione di quello dell’Istituto, se elaborato) con attività e  prospetto orario; consegna dei documenti firmati dalle due parti (convenzione, ecc..)

  -Incontro con studente in stage (1 ora): conoscenza, presentazione del progetto e accordi

  – Attività di Stage:

     dal 13.03.2019 al 04.05.2019 (totale circa 100 ore) per studentessa privatista

     dal 3 al 22 giugno 2019 (totale circa 70/80 ore ) per studentessa Liceo Scientifico

  – Verifica, valutazione e compilazione dei documenti richiesti dalla scuola.

PRODOTTO FINALE:

-Indagine Vaccinazione (primo stage)

– Prospetto per ristoro (secondo stage)


Progetto Avis (Avis comunale Guastalla)

DESTINATARI:

 Tutte le classi quinte delle Scuole Secondarie di 2° grado (Istituti Superiori) di Guastalla “Russell” e “Carrara”. Per un totale di 269 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Medici ed infermieri AVIS, volontari AVIS, responsabile di segreteria AVIS, dirigenti e docenti dei due istituti.  

OBIETTIVI:  

Promuovere AVIS tra i giovani.

Avviare alla donazione di sangue/plasma.

Promuovere solidarietà e volontariato.

Educare alla salute.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Il progetto prevede, in ordine temporale: incontri informativi di 1 ora, a gruppi di due classi tenuti da medico AVIS (periodo sett/ottobre 2018 presso Aula Magna degli istituti); giornate dedicate di apertura della sede AVIS Guastalla per anamnesi e prelievi analisi idoneità (ott/nov 2018); comunicazione riservata (via e-mail), da parte del medico AVIS, dei risultati; giornate dedicate di apertura sede AVIS Guastalla per prime donazioni; contatti con gli studenti nei mesi successivi per acquisirne la decisione e prenotare eventuale seconda donazione.

PRODOTTO FINALE:

Documentazione fotografica.


La prima volta è sempre la più bella (Avis comunale Montecchio Emilia)

DESTINATARI:

n.9 classi quinte della Scuola Secondaria di 2° grado Istituto Silvio D’Arzo. Per un totale di 150 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Avis Montecchio, Admo Reggio Emilia, Professori di religione.

OBIETTIVI:

Fare conoscere l’Avis ai giovani e programmare giornate di idoneità per gli studenti.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Il progetto si componeva di due parti. La prima di esposizione frontale dell’attività dell’Avis e Admo attraverso domande fatte agli studenti e in caso di risposta esatta veniva regalato un braccialetto in gomma, oltre alle domande vi era esposizione delle esperienze dei donatori e informazioni mediche di base. La seconda parte prevedeva 3 giornate di idoneità presso il centro prelievi. Essendo la prima volta che entravamo a scuola da soli l’attività è stata molto complessa e lunga nella fase di progettazione e programmazione infatti il primo contatto con la scuola e la dirigente scolastica per definire la fattibilità del progetto è durato un paio di mesi; un altro mesetto per la programmazione del calendario degli interventi in aula, 3 settimane per gli incontri nelle classi e 3 lunedì di idoneità per gli studenti.

PRODOTTO FINALE:

Incontri nelle classi e idoneità in sede.


Alternanza Suola-Lavoro(Avis comunale Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

Tutte le classi terze, quarte e quinte delle Scuole I.S. “Antonio Zanelli”
I.P.C. “Filippo Re”. Per un totale di 10 tudenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Associazioni ADMO e AIDO (sezioni di Reggio Emilia), insegnanti referenti del progetto presso l’istituto.

OBIETTIVI:

Promuovere la donazione di sangue, midollo,organi. Promuovere uno stile di vita sano.
Sensibilizzare gli studenti interessati a diventare donatori / volontari.
Iniziare gli studenti coinvolti al mondo del lavoro.
Inserirli in un gruppo di lavoro per apprenderne le regole e le modalità di gestione delle attività operative.
Interagire con il pubblico per dare informazioni utili e corrette.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

L’associazione riceve la richiesta da parte dello studente di poter svolgere l’attività di alternanza scuola-lavoro presso di essa
Viene attivata una convenzione tra l’Avis e l’istituto.
La responsabile prende contatto con il referente dell’istituto per avviare l’attivazione del progetto.
Nel periodo concordato lo studente si reca quotidianamente presso la sede Avis dove svolge le attività che gli vengono assegnate.
Alla fine del periodo la referente compila una scheda di valutazione dell’attività svolta dallo studente.
Lo studente compila un questionario redatto dall’associazione sul gradimento dell’attività svolta, degli ambienti, del gruppo di lavoro e sui benefici del suo bagaglio professionale.

PRODOTTO FINALE:

Incrementare il numero di giovani fidelizzati all’associazione.
Sensibilizzare alla donazione.
Formarli al fine di farli parte attiva nel gruppo dei giovani che svolgeranno attività di sensibilizzazione agli studenti maggiorenni.              Rafforzare il legame di collaborazione con gli istituti scolastici coinvolti nel progetto.


Il valore del dono- dono di sè, dono del tempo, dono delle competenze (Avis comunale Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

Tutti gli istituti superiori del comune di Reggio Emilia(100 classi quinte superiori): 

  • Liceo Classico-Scientifico “Ariosto – Spallanzani”
  • Liceo Scientifico “Aldo Moro”
  • Istituto Magistrale “Matilde Di Canossa”
  • Liceo Artistico “Gaetano Chierici”
  • I.I.S. “Angelo Motti”
  • I.I.S. “Leopoldo Nobili”
  • I.T.G. “Blaise Pascal”
  • I.I.S. “Scaruffi Levi Tricolore”
  • I.T.G. “Angelo Secchi”
  • I.S. “Antonio Zanelli”
  • I.I.S. “Luigi
  • Galvani/Jodi”
  • I.P.C. “Filippo Re”

Per un totale di 2000 studnti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Associazioni ADMO e AIDO (sezioni di Reggio Emilia), un insegnante referente del progetto per ogni istituto/sede (la maggior parte insegnanti di educazione fisica, religione e lettere).

OBIETTIVI:

Promuovere la donazione di sangue, midollo e organi.
Promuovere uno stile di vita sano.
Raccogliere i contatti degli studenti interessati a diventare donatori / volontari.
Accompagnarli lungo l’iter per diventare donatori.
Reclutarli al volontariato attivo.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Formazione dei volontari che terranno gli incontri in aula (continua, in itinere);
Contattare gli istituti superiori tramite lettera/pec indirizzata ai dirigenti (settembre/ottobre);
Prendere contatti con l’istituto e successivamente col professore referente del progetto per organizzare il calendario degli incontri (tra ottobre e marzo secondo le disponibilità degli istituti);
Pianificare i singoli incontri concordati con gli istituti: quali volontari partecipano, orario e punto di ritrovo;
Pianificare le giornate dedicate a esami di idoneità (possibilmente pochi giorni dopo l’incontro in aula), e prime donazioni (30/40 giorni dono gli esami di idoneità);
Prima dell’incontro in aula: preparare il materiale necessario, inviare mail di promemoria a tutti gli attori coinvolti con indicazione dei dettagli: chi, dove, a che ora, quali classi, quanti studenti, con proiettore o meno;
Svolgimento incontro in aula (nelle date e orari concordati con il referente, di solito della durata di un’ora con una o più classi contemporaneamente secondo le disponibilità dell’istituto);
Dopo l’incontro: sistemazione del materiale raccolto, inserimento dei dati nel file predisposto per la statistica;
Contattare gli studenti interessati per ricordare/prenotare gli esami d’idoneità;
In sede di idoneità: supportare durante la compilazione di questionario anamnestico e modulo d’iscrizione e consenso privacy, accompagnarli durante l’iter (visita medica – prelievo – colazione – prenotazione della prima donazione / informarli della possibilità di fare attività di volontariato);
Contattare gli studenti idonei per ricordare/prenotare prima donazione;
Accoglienza degli studenti alla prima donazione con i giovani volontari per metterli a loro agio e far loro conoscere un’associazione inclusiva e partecipativa;
Dopo la donazione spedire tesserino e “la mia prima goccia” (ciondolo a forma di goccia rossa
con “smile” realizzato nel 2012 dagli studenti del Liceo Artistico “G. Chierici” per il progetto “La mia prima goccia”);
Contattare gli studenti per avere un feedback su come si sono sentiti e com’è andata la loro prima donazione;
Contattare gli studenti per la seconda e terza donazione con chiamate e/o sms per coinvolgerli e fidelizzarli;
Organizzare un incontro di monitoraggio con i docenti referenti del progetto, aperto anche a dirigenti e altri docenti interessati, per coinvolgerli ulteriormente, restituire i dati della campagna di promozione e ascoltare loro richieste e/o idee.

PRODOTTO FINALE:

Incrementare il numero di giovani donatori e volontari fidelizzati all’associazione per garantire il ricambio generazionale
Rafforzare il legame di collaborazione con gli istituti scolastici coinvolti nel progetto.


Il valore del dono per la Scuola secondaria di 2° grado (Avis comunale S.Ilrio d’Enza in rete con Aido e Admo)

DESTINATARI:

n.2 classi quarte delle Scuole:

IPSIA – Istituto Superiore Statale “Silvio d’Arzo” – Grafici – S. Ilario

LICEO Scientifico Paritario “San Gregorio Magno” – S. Ilario

Per un totale di 42 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Insegnanti :

prof.ssa Teresa Santini di religione – Istituto Superiore Statale “Silvio d’Arzo”  

prof.ssa Annamaria Montanari di Italiano – Liceo Scientifico Paritario “S. Gregorio Magno”

Associazioni

AVIS S.Ilario con il presidente Pietro Micucci e il prof. Valter Gelosini, insegnante di lettere in pensione e di grande esperienza comunicativa. AIDO/RE   con  il  vice Presidente Provinciale dr. Salvatore De Franco  e il Sig. Ettore Manghi, testimone di trapianto di organi che gli ha salvato la vita. ADMO/RE con la Dott.ssa Federica Biasion, referente sanitario ADMO Reggio Emilia. Nell’incontro con la 3^ IPSIA è’ intervenuta anche la prof.ssa Monica Sardano che ha dato la sua testimonianza di come è guarita dalla sua malattia grazie al trapianto di Midollo Osseo.

OBIETTIVI:

Invitare e dare l’opportunità ai ragazzi di capire e scegliere i valori della salute e del dono attraverso anche sani stili di vita. Far conoscere ai ragazzi le Associazioni del Dono AVIS , AIDO e ADMO e approfondire insieme l’argomento donazione di sangue, organi e midollo. Dar prova che Associazioni diverse possono collaborare insieme per diffondere la cultura del dono. In questo progetto, avere anche  testimoni di trapianti salvavita conferma la validità di quanto le Associazioni stesse agiscono per il bene comune.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Questo progetto ha visto impegnata la nostra equipe Avis-Aido-Admo in due classi, lunedì 19 novembre 2018 per due ore ciascuna,  con relazioni invitanti al confronto e con l’ausilio di slide e video. Ha  iniziato il presidente Pietro Micucci di Avis S. Ilario che ha spiegato brevemente il progetto “Il Valore del Dono”, gli obiettivi e le aspettative. Ha esposto poi ai ragazzi le finalità e attività di AVIS. Di seguito,  è intervenuto il dr. Salvatore De Franco di AIDO / RE  che ha descritto gli scopi di AIDO, i progetti e la situazione trapianti. Poi è intervenuto  Ettore Manghi di AIDO che ha testimoniato come il trapianto di organi ha salvato la sua vita. 

PRODOTTO FINALE:

Abbiamo consegnato agli studenti questi sussidi didattici AVIS: il “Vademecum per la donazione di sangue e di emocomponenti” , l’opuscolo “Al cuore si comanda” e pieghevoli di AIDO e ADMO.

Alla fine dell’ncontro, abbiamo domandato agli studenti delle riflessioni su quanto hanno recepito dall’incontro con i volontari. Oltre a questo, agli studenti dell’Ipsia – Grafici abbiamo richiesto un bozzetto di segnalibro da inserire nel Diario AVIS per le Primarie.

Ai diciottenni che aderiranno alle associazioni, si concorderà tempi e modalità per le iscrizioni.

Lunedì 4 febbraio 2019 sono stati consegnati agli studenti dell’Ipsia – Grafici e del Liceo “S. Gregorio Magno” i gadget Avis (chiavetta usb da 8 giga) per i 3 migliori elaborati prodotti dai ragazzi a seguito degli incontri relativi al progetto “Il Valore del Dono“, svoltosi nel novembre scorso  e per i migliori bozzetti di segnalibro fatti dagli studenti dell’Ipsia per il diario scolastico.

Agli altri studenti delle due classi che hanno consegnato gli elaborati sono poi stati consegnati gadget diversi, ma ben graditi anche questi.

I segnalibri sono stati stampati in Ipsia di S.Ilario e saranno donati da Avis Sant’ Ilario verso fine maggio agli alunni della 4^ classe della scuola primaria che riceveranno, insieme a questi, il diario Avis “un anno di solidiarietà” per l’a.s. 2019-2020.


Progetto uniBO (Avis comunale Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

Studenti laureati in Scienze e Tecniche Psicologiche e Psicologia al ALMA MATER STUDIORUM Università di Bologna, Dipartimento di Psicologia. Per un totale di 3 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Dott. Andre Alberini, psicologo e psicoterapeuta in qualità di tutor.

OBIETTIVI:

Dare supporto nella gestione delle risorse umane.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Lo studente invia all’Associazione la richiesta di poter svolgere l’attività presso di essa;
L’Associazione invia formale richiesta al Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna per l’attivazione di tirocinio professionalizzante.
Nel periodo concordato lo studente si reca presso la sede Avis dove svolge le mansioni specifiche e specializzanti che gli vengono assegnate sotto la guida del tutor.
Alla fine del periodo la referente compila una scheda di valutazione dell’attività svolta dallo studente.

PRODOTTO FINALE:

Incrementare il numero di giovani fidelizzati all’associazione.
Aiutare il personale dipendente ad acquisire competenze nella gestione dei volontari impegnati.


Progetto uniMORE (Avis comunale di Reggio-Emilia)

DESTINATARI:

Studenti di marketing e comunicazione della Università degli studi di Modena e Reggio, Facoltà di Scienze della Comunicazione. Per un totale di 4 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Associazioni ADMO e AIDO (sezioni di Reggio Emilia), un insegnante referente del progetto.

OBIETTIVI:

Acquisizione competenze specifiche nella comunicazione e nelle relazioni interpersonali;
Acquisizione competenze specifiche nella realizzazione di materiale informativo – promozionale;
Acquisizione competenze specifiche nella realizzazioni, nella gestione e nella promozione di progetti nell’organizzazione, realizzazione e promozione di eventi ed iniziative di sensibilizzazione;
Acquisizione competenze specifiche nell’utilizzo di computer, programmi informatici gestionali, di raccolta e archiviazione dati, internet e posta elettronica;
Acquisizione competenze specifiche organizzative per la programmazione, la gestione e la realizzazione di eventi a carattere locale;
Acquisizione capacità di gestione e amministrazione sito internet;
Acquisizione competenze organizzative, gestionali e di lavoro in rete.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Lo studente invia all’Associazione la richiesta di poter svolgere l’attività presso di essa;
La referente prende contatto con l’università attraverso l’apposita piattaforma online per avviare le pratiche di attivazione del progetto.
Nel periodo concordato lo studente si reca quotidianamente presso la sede Avis dove svolge le mansioni specifiche e specializzanti che gli vengono assegnate.
Alla fine del periodo la referente compila una scheda di valutazione dell’attività svolta dallo studente.

PRODOTTO FINALE:

Incrementare il numero di giovani fidelizzati all’associazione.
Dare l’opportunità ai giovani che presenteranno domanda di servizio civile di conoscere da vicino la realtà associativa.
Supporto nella gestione dei mezzi di comunicazione dell’associazione con personale competente e formato.
Rafforzare il legame di collaborazione con l’istituto universitario.


Avis: Salute e Solidarietà (Avis comunale Guastalla)

DESTINATARI:

n. 1 classe adulti stranieri del corso di Guastalla. Per un totale di 25 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontaria AVIS e 1 volontaria mediatrice culturale lingua paanjabi/urdu

Responsabile CPIA (Enea Righini) e docente di classe

Volontaria ADMO Guastalla (a supporto

OBIETTIVI:

Far conoscere AVIS come Associazione di volontariato del territorio.

Promuovere AVIS come opportunità di tutela e controllo della propria salute Promuovere AVIS come cittadinanza attiva e solidarietà sociale.

Collaborare per favorire integrazione di tutti i cittadini.

Favorire nuove collaborazioni.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

n° ore 1 e 45 min,  gruppo classe, presso l’ Istituto scolastico CFP di Guastalla, il 15 maggio 2019.

Attività: con la presenza della mediatrice culturale

– presentazione in formato digitale di AVIS, delle caratteristiche del sangue, del dono del sangue e del suo utilizzo, dei controlli sui donatori e dei corretti stili di vita. Principi di igiene e di prevenzione

– attività pratiche di: lettura delle analisi del sangue, comprensione dei gruppi sanguigni e loro compatibilità, misurazione della pressione arteriosa.  

PRODOTTO FINALE:

Documentazione fotografica.


 Progetto Avis – Scuola A.S. 2018/2019 : binomio vincente! (Avis provinciale Rimini)

DESTINATARI:

Classi dell’ultimo anno delle Scuole secondarie di secondo grado della provincia di Rimini. Per un totale di 2564 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Contatti iniziali: amministrativo con insegnanti referenti progetto individuati dalla scuola, conferenza: medico e volontario Avis e volontario ADMO, Prelievo analisi del sangue: volontari Avis, medici e infermieri, amministrativo, Visita e donazione sangue:  volontari Avis, medici e infermieri, amministrativo.

OBIETTIVI:

campagna informativa e di promozione al dono del sangue.

Per noi dell’Avis stabilire un rapporto duraturo e di reciproca fiducia con il mondo giovanile ed in particolare con gli studenti prossimi al raggiungimento della maggiore età, rappresenta un obiettivo imprescindibile e, nel contempo, una sfida di grande portata, convinti come siamo che questo universo giovanile costituisca il vero patrimonio di idee, di cultura e di solidarietà di cui disponiamo.

Queste motivazioni ci spingono pertanto a presentare, in continuità con l’esperienza maturata oramai in diversi anni, un percorso d’intervento e di sensibilizzazione per le classi dell’ultimo anno, sviluppato all’interno della programmazione didattica.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

campagna informativa e di promozione al dono del sangue da svilupparsi in tre distinte fasi, strettamente collegate e complementari fra di loro:

Prima fase – Conferenza informativa

Seconda fase – Prelievo/ analisi del sangue

Terza fase – Visita e Donazione di sangue

PRODOTTO FINALE:

Giornata donazione con gadget ai ragazzi, elaborati grafici e comunicato stampa alle testate locali.


 Progetto Avis – Scuola A.S. 2018/2019 : binomio vincente! (Avis provinciale Rimini)

DESTINATARI:

Scuole elementari e medie.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Contatti iniziali: amministrativo con insegnanti referenti progetto individuati dalla scuola, conferenza: medico e volontario Avis.

OBIETTIVI:

Cenni sul sistema circolatorio, informazioni riguardanti il sangue, le sue patologie, i gruppi sanguigni, l’utilizzo dello stesso, le donazioni e l’Avis.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

Consiste nell’organizzazione di una conferenza/incontro della durata di 1/2 ore presso le Scuole del primo ciclo (primarie e secondarie di primo grado) della provincia di Rimini. E’ incentrata su un’unica tematica, vale a dire: Cenni sul sistema circolatorio, informazioni riguardanti il sangue, le sue patologie, i gruppi sanguigni, l’utilizzo dello stesso, le donazioni e l’Avis .Coinvolge medici professionisti e volontari dell’Avis i quali si avvarranno di presentazioni multimediali.

PRODOTTO FINALE:

Incontro in aula con gadget ai ragazzi.


 Solidarietà a colori (Avis comunale Riccione)

DESTINATARI:

n. 9 classi quinte delle Scuole elementari di Riccione. Per un totale di 372 studenti coinvolti.

ALTRI SOGGETTI COINVOLTI:

Volontari Avis Riccione, 4 insegnanti referenti (1 per plesso scolastico) Scuole di danza e arti marziali per lo spettacolo conclusivo.

OBIETTIVI:

Promuovere la donazione di sangue ed emcomponenti.

PERIODO DI REALIZZAZIONE:

L’iniziativa verte su un concorso di disegno che coinvolge oltre 300 ragazzi, fra cui vengono selezionati gli elaborati che daranno vita al calendario Avis, distribuito ogni anno a tutti gli alunni delle scuole primarie del territorio comunale e ,parallelamente, a tutte le persone ed enti in relazione con l’Avis, per un totale di 6.000 copie.

Il progetto è ricco di contenuti didattici legati alla donazione di sangue ed altri aspetti medici correlati, sono previsti incontri con gli alunni.

E’ prevista una serata conclusiva in cui tutti i bambini che hanno presentato il disegno sono premiati con uno zainetto contenente materiale didattico. Inoltre, ai vincitori del concorso, verrà consegnato un quadro rappresentante il proprio disegno pubblicato sul calendario Avis Riccione. 

Tempi di realizzazione: 2/3 mesi (periodo settembre-novembre).

PRODOTTO FINALE:

Calendario Avis Riccione con i disegni vincitori.